Quotidian L'Arena 26/04/2004
Omaggio al poeta. L’ha creato Toffaletti, l’ideatore di www.larenadomila.it, con l’aiuto di esperti
Il museo virtuale di Berto
Un sito internet con cartoline, foto, quadri e versi di Barbarani
Non l’avrebbe certo immaginato, Berto Barbarani, di diventare nel nuovo millennio un protagonista su internet. Eppure, grazie al sito tutto in dialetto veronese www.larenadomila.it, il maggiore poeta veronese del primo Novecento dai giorni scorsi gode di un «museo virtuale» tutto suo, inaugurato in occasione del quinto compleanno del sito. E c’è da credere che presto verrà cliccato anche dai tanti veronesi sparsi in giro per il mondo. L’idea è di Andrea Toffaletti, un trentenne appassionato di computer e di dialetto, che da ormai cinque anni sta diffondendo in tutto il mondo grazie al web la cultura e la civiltà veronese. Per accedere al museo Barbarani basta cliccare su http://www.larenadomila.it/barbarani/museo.htm. Come è nata questa idea? «Viste le critiche piovute sulla statua al grande poeta, sul suo posizionamento e sulla sua effettiva bellezza», risponde Toffaletti, «il sito www.larenadomila.it, alle "ciacole" ha preferito i "fatti", realizzando un museo virtuale in onore di Barbarani. Riguardo la statua, penso che Barbarani - a vedere la gente "della sua Verona" che "barufa par lu", che litiga in suo nome - "el se rebaltarìa ne la tomba", si rivolterebbe nella tomba». Aggiunge Toffaletti: «Tutto ciò articoloè molto curioso, visto che non si è mai data molta importanza a questo poeta che ha rappresentato il dialetto veronese ai massimi livelli. Noi, comunque abbiamo deciso di istituire un museo virtuale che speriamo, assieme alla statua, faccia da apri-pista a nuovi appassionati della poesia e del nostro Berto». «Attualmente il museo virtuale di Barbarani», chiarisce l’ideatore di www.larenadomila.it, «contiene alcune vere chicche, cartoline e racconti in italiano e dialetto che sarà possibile scaricare e che sono facili da stampare». In particolare, troviamo la foto del Tamburello firmato «Berto Barbarani», sei cartoline-quadri di Angelo Dall’Oca Bianca a Barbarani, sei foto con Dall’Oca (con nipote) e il poeta (con la moglie Anita), la foto della lapide in piazzetta Pescheria, la ricetta di cucina «Sedano-Rapa a la Barbarani». C’è poi una sezione intitolata «In gita con Berto», sui passi del poeta fino all’eremo dei Santi Benigno e Caro sul monte Baldo. Infine, cinque cartoline di Berto da Bogliaco alla famiglia Gioco e una poesia inedita, Venessia , su otto cartoline di Barbarani. Sono tre mesi che Andrea Toffaletti sta lavorando per realizzare questa rubrica. Ma, come lui stesso assicura, «questo museo in futuro potrà sicuramente aumentare di volume visto il materiale in nostro possesso». Va aggiunto che oltre ad Andrea Toffaletti, il museo web di Barbarani è stato possibile grazie al prezioso materiale fornito da Giorgio e Antonio Gioco e dal dottor Roberto Fostini, un vero cultore di cimeli barbaraniani. Emma Cerpelloni.

Rassegna Stampa - www.larenadomila.it
sutorna su indrio indrio stampa stampa