curvasup
rena
titoli
museo del carnevale verona
El Bogòn
La sfilata in onòr del Podestà - la cronaca
Da la cronaca del 1759 vegnèmo a conossensa de una de le pì importanti tradissioni carnevalesche veronesi.“Questo bacanale, del qual non avvi il più lieto e grandioso, principia in detto Venerdì all’ora di nona circa, col riempirsi le principali amplissime strade della città di gente innumerevole, la più parte mascherata con sfoggio e ricchezza d’abiti singolare, e con banderuole di carta sopra una lunga canna in mano, marcate con due VV significanti Viva il Principe, Verona e L’Abbondanza, e ancora con picciole ben dipinte e intagliate figure pulcinellesche in testa; e con flusso e riflusso strepitoso per le accennate vie scorrendo in carrozze, landò, ecc., destasi per la città tutta una insolita Carnevalesca notizia. “La nobiltà esce simultaneamente mascherata in gala finissima, e in mute a quattro e a sei portasi al palazzo di Sua Eccellenza Podestà (cui propriamente appartiene il concedere questo Carnevalesco divertimento, e in sua mancanza a Sua Eccellenza Capitano) venendo ivi distinta con prodigo sontuoso rinfresco”. Intanto “compariscono sulla piazza de’Signori innanzi al detto palazzo esattamente e puntualmente ordinate diverse compagnie di sanzenati composte di puttelli vestiti da capo a piè di candida tela fiocchettata di nastri rossi di seta con simil berretta in testa e di uomini con le loro zerbine per mano vestiti da Pulcinella, o in altre curiose guisa e le donne alla giardiniera; e con viva e acclamazioni interrotte dal suono armonioso di trombe, timpani, fagotti, e corni da caccia, grande agli ispettori e piacere arrecano”. El corteo va inansi verso San Zèn con in fondo un gran car, tirà da quatro bò, pièn de panbianco, e con una botesèla de vin, che vién dà ai poaréti; “e per due ore e più che dura questa popolare esaltazione, gettasi alla ciurma dell’affollata plebe continuamente il pane, e però dicesi il Carro dell’Abbondanza. Innalzato poi si osserva sulla piazza di San Zeno un palco di legno capacissimo, addobbato da ogni parte di verdi e di fiori e sopra di esso salgono i puttelli, e le maschere tutte, Ivi si impastano gnocchi e vi se ne fanno cuocere più caldaie […] Deposto frattanto dai facchini il carico della cibarie e del vino nella corte dell’Abbazia, tutto si distribuisce a tutti gli abitanti di quella contrada”.

El Bogòn
Ghe partecipava la nobiltà che la dovea 'nar al rinfresco del Podestà, le compagnie sanzenate (dei "puttelli, pulcinella e giardiniere" compagné da trombe,tamburi,fagotti e corni da cassa) con denànsi un bel nùmaro de cavalieri sanzenati con spade "sguainate" e col so stendardo. Vegnéa messa 'na corona de fiori e "alloro" su la carossa del Podestà, prima de 'nar a catarlo nel so palasso; el capo dei Puti "a cavallo di un ciuco bardato inguisa bizzarra e ridevole" in compagnia de altre màscare el faséa i complimenti e un invito in dialéto sanzenato; da la corte Pretoria vegnéa fora un sentenàr de òmeni carghi de roba da megnàr e de vin par la sfilata a "Bogon", cioè un triplice giro a figura de "chiocciola" intorno a Piassa dei Signori; el corteo de le màscare, nobili, milizie e autorità con de drio el caréto de l'Abondansa tirà da quatro bo e cargo de pan e vin, se movéa in diressiòn San Zèn, ndoe gh'era un palco denànsi la Basilica par cusinàr e distribuìr gnochi, con ristoro par dodése poareti tacà al monumento de Tomaso da Vico. Grande festa, con magnade e balade serali ne la sede del Podestà ringrassià el giorno dopo dai Sanzenati pieni de boresso. El tuto l'era consà ogni ano con varie composissioni de poeti, con inni, soneti e cansoni.
cartolina baccanal
EL BOGÒN
La sfilata carnevalesca de Piassa dei Signori in onòr del Podestà vai
DAL 1650 AL 2000
La storia del carneàl e de la çità de Verona dal 1650 al 2000 vai
COME FAR I GNOCHI
Léngua Macaronica de Francesco Dionisi del 1740. "Pro Venerdie Gnoccolario"vai
PAPA' DEL GNOCO
Le curiosità sul Papà del Gnoco. Come l'è vestì el Sire del Carneàl de Verona? vai
LE CORSE DEL PALIO
Cosa liga el Palio decantà da Dante Alighieri al Carnevàl Veronese vai
BERTO BARBARANI
Inno al Papà del Gnoco e la Poesia "La Cabala del Gnoco" del poeta Berto Barbarani vai
MUSEO CARNEÀL
Cartoline storiche e documenti dal 1600 vai