curvasup
rena
titoli

El Bacalà

Ch'el sia a la vicentina, mantecato
ch'el sia bianco, el sia rosso, el sia impanà
mi digo che a sto mondo no ghè piato
più bon de la polenta e bacalà.

Par questo, provocado nel gargato
mi meto in rima sta specialità
che Dante me perdona sto pecato
detado proprio da golosità.

Son sicuro però del so bon ocio
parchè i golosi lu el te ià cassà
a l'Inferno, la zo, drento nel pocio
ma l'era pocio bon, de bacalà.

L'è un pesse che diria quasi de lusso
parchè l'è un pesse proprio navigà
el nasse ch'el se ciama anca merlusso
el more ch'el se ciama bacalà.

Tiremo in pressia alora via i paneti
che riva la polenta brustolà
e che in sta gran disfida tra poeti
el vinsa ancora lu : el BACALA'.



^ torna su ^

El Kanederlo

…Pensa ti !! Stentava a credarlo
ma che bon che l'è el Kanederlo
che na olta, pressapoco
l'era un po' el…Papà del Gnoco.

Però dopo l'anession
quando che ha cambià paron
tuto el Veneto e Venessia
eco el gnoco che de pressia

ha slargado la barriera
con so pare oltre frontiera.
I se ghà guardà in cagnesco
el talian con el todesco.

Po' però i ha fato pase
e l'è questo che me piase
"Gnoco, dai, senti to mare
uto dirghe su a to pare?

Tuti du sì nati infina
da na mare: la farina
fasì pase dai de novo
parchè vostro pare, l'ovo

dise che, su tuti du
ghe stà giusto si anca lu..!!""
E mi alora qua me s-gionfo
col kanederlo in trionfo

Fato ben, belo impastado
tuto tondo l'è imburado
con el speck fato a tocheti
o altre spessie che te meti!!

….da doman, voj magnar poco
.....me consolarò col gnoco!!"



^ torna su ^

La Cusina dei Scaligeri,
secondo Dante e secondo mi

Ma, se magnava ben soto la Scala ?
Sentendo Dante, par proprio de si
parchè Cangrande Lu el l'ha definì
come "primo rifugio e primo ostello".

Noi voi pensar ch'el n'ha contà na bala
l'era in esilio e l'era sensa schei
forse lu l'ha magnà "polenta e osei"
s'el dise "..Su la Scala, il santo uccello

riferido al Signore de Verona.
forse el volea "fagioli all'uccelletto"
Il cinghiale, la manza o il c..apretto
e alora, el vero sior, quel de la Scala

(chè Cangrande, no l'era çerto mona)
a lu ch'el se sognaa la ribollita
el ghà servì pearà, quela che pita
l'ebbona..ovvia, maremma maiala!

Po', forse, i ha discusso sora el vin
Dante, cissà, el se spetava un Chianti
par trar ispirassion par altri canti
ma Cangrande, che l'era proprio figo

el ghà fato tastar el Bardolin
po' n'amaron de la Valpolesela
de quei che fa sognar la camporela
de quei che po' te lassa sensa intrigo.

Si insoma, la cusina el l'ha gustà
(e forsi el s'ha ispirà pal Paradiso)
Cangrande, sul caval, col so sorriso
el ghà spiegado la "…diritta via.."

L'ha magnà, l'ha beù e l'ha ciavà
e ne l'esilio l'ha trovado svago
l'ha lassà dissendenti a Gargagnago
e a mi lo spunto par sta poesia…"



^ torna su ^

Che belo sentirse cretini

El mondo, a sto tempo, se sa
l'è fato de tecnologia
se questa no la te sé mia
te resti zà belo ciavà.
…………S'el mondo no ghà più confini
………………che belo sentirse cretini !!

ci maca però quei più giusti
se sa che no iè i nostri gusti
se sa che i ne rompe i cojoni
…………S'el mondo no ghà più confini
………………che belo sentirse cretini !!

Se el mondo l'è multimediale'
l'è un mondo che no conossemo
magari te passi par semo
magari te rompi le bale
…………S'el mondo no ghà più confini
………………che belo sentirse cretini !!

Ma un giorno te lesi el giornal
ghè scrito che un bocia un po' furbo
el crea sul PC un gran disturbo
co 'n'virus butà in terminal
…………S'el mondo no ghà più confini
………………che belo sentirse cretini !!

E alora te pensi: la sciensa
l'ha forse inventà el late caldo
l'è mejo tegnerse ben saldo
el palotolier, par prudensa
…………S'el mondo no ghà più confini
………………che belo sentirse cretini !!

L'è mejo tornar a la soca
che avea coltivà i nostri noni
el goto, la tola, i senoni
la briscola, el calcio, la gnoca.
…………S'el mondo no ghà più confini
………………che belo sentirse cretini !!

E alora, dal cor, nel profondo
a tuti qua intorno a la tola
mi digo na sola parola :
ghè i mejo cretini del mondo
…………S'el mondo no ghà più confini
………………che belo sentirse cretini !!



^ torna su ^

Vecie Ostarie

Ghe sarà anca i Cenacoli, i Convivi
I Club, le Confraternite, i Saloti
Posti de incontro par tegner più vivi
Co le ciacole, veci e giovanoti

Però el posto più belo, più sincero
el più caldo, el più intimo, el più mejo
el più antico de tuto el mondo intiero
Insoma quel che te mantien più svejo

Par mi l'è sensa dubio l'Ostaria !
Anca se i tempi desso iè cambiadi
e i giovani i se cata in pisseria
par noialtri (sul griso e un po' stempiadi)

L'Ostaria resta sempre el nostro mito.
Care vecie Ostarie che qua a Verona
ghe n'era tante e l'era quasi un rito
trovarse in quela de la propria zona

Cari veci banconi tuti in legno
care careghe sempre despajade
e furbi osti a governar un regno
de incontri, de amicissie e sganassade

E tute coi so nomi de battaglia
la Luce, el Carro Armato, el Manegheto
o nomi d'osti (se qualcun se sbaglia)
da Toni, da Palanca, dal Gineto,

i litri, i mesi litri e anca i quartini
i g'avea tuti el so sigilo regio
e te pare che udado da sti …tini
el vin ghe ne acquistasse anca de pregio

Sul banco gh'era sempre i ovi duri
ai qual nessuno ghe faseva torto
ben in vista, incolade sora i muri
le so targhette del "Vino da asporto"

Care vecie Ostarie se ve ricordo
me ciapa un gropo de malinconia
un roseghin nel peto un po' balordo.
Ben ve saludo vago … a l'Ostaria !!



^ torna su ^

El S-cianco

Ma savìo cosa l'è? Savìo almanco
quanto belo che l'è zugar a s-cianco?
L'è un zugo antico,un zugo de gran valia
Cesare, par, che el le zugasse in Galia!

El s-cianco? scominsiemo co la mare
parchè l'è l'elemento basilare
te ghe pici de sora el manganel
che più forte te pici e più l'è bel.

Te bati al centro quela spagnoleta
chè, trarla più distante l'è la meta
sempre però che no i le brinca al volo
se invesse la va ben la casca al suolo!

Te ghè dirito a far altri tri tiri
te pici sul canton, po' te te giri
te bati el s-cianco (,no far pimpinela!)
se i te le ciapa in man l'è na capela!!

Che alora su la mare i pol tirarlo
ma ti,baston in man,te pol ciaparlo
se no i le ciapa te pol dichiarare
quanti s-cianchi ghe manca par la mare.

Se no i ghe crede alora inissia el rito
de la misurassion col s-cianco drito.
Se t'è blefado, alor te paghi el fio
specie se t'è ciama"manganel mio!"

E alora giusto el fegato te scopia
parchè te l'è ciamà co la ridopia!
I americani el besbòl i ha inventà
cos'elo el besbòl? S-cianco ben copià!

Questo parchè nojaltri de Verona
tuto saremo, ma no çerto mona
bon s-cianco alora a tuti i s-ciancoloti
avì zugà.... e 'desso iè pronti i goti !

E mi che ho scrito apunto sto stramboto
me merito de çerto un dopio goto.



^ torna su ^
CIAO RAVA, UN CARO SALUDO!
26/07/2007 - 26/07/2010
Grassie Rava par aver contribuì e credù nel nostro progeto de salvaguardia de le tradissioni. Te ricordaremo par sempre, par quel che t'è rapresentà.
El Diretor e La Redassion

Cavolo o Brocolo?

Ci cavolo elo el cavolo?
Elo cusin del brocolo?
Ricordo che el me avolo
Disea "..na scarpa e un socolo

iè çerto un po' parenti
con lori te camini
però…iè difarenti
forsi i sarà cusini..

Ma mi sto gran dilema
me lassa un po' perplesso
me son postà el problema
però ve lo confesso

che ancora no capisso
ndò l'è la difarensa
anca se me scugnisso
no trovo la sentensa

Ho verto la Treccani
çercando su sta pianta
ghera dei nomi strani
e ben çentoçinquanta

Le specie coltivade :
capusso, verza, rapa
iè tute….cavolade
de qua no se ghe scapa!!

A dirla fin in fondo
ghò ancora da capir,
par quanto gira in tondo
par mi la va a finir

che forsi un po' me incavolo
che forsi tiro un mocolo!
No ghò capido un cavolo.
No ghò capido un brocolo.



^ torna su ^

I m'ha ciavà sul goto

Premessa
un antico testo di cucina
propone le seguenti
"Misure di capacità pel Vino"
1 Botte (eguale Brente 12) Ettolitri 8,2416
1 Brenta (eguale 4 Secchie) Litri 68,68
1 Secchia (eguale 18 Inghistare)….Litri 17,17
1 Inghistara (eguale 4 Gotti)…… Litri 0,954
1 Gotto Decil. 2,38

L'ho catado zò in cantina
tra vestiti ormai tarmadi
strasse e ossi lì muciadi.
L'è un bel libro de cusina

de ricete de na olta
de me nona, forsi, l'era
el g'avea na bela siera
na vosseta ha dito "Scolta".

Sfoja tuto fin in fin
lesi i piati ch'i ha descrito
e po' cori drito drito
dove i scrive anca del vin!"

Gh'era giuste le misure
di "capacità pel Vino"
scrite in bel corsivo aldino
çerto fruto de gran cure.

Ho scoperto che la Bote
la val ben 12 Brente
lè descrita lì darente
(e che a bearla …se fa note).

L'è più o men 70 litri
giusto pari a 4 Secie
(hò indrissà giusto le recie).
Ho pensado al bon Dimitri

el moroso de Natascia
con Vassili par compare.
Ben 18 de Inghistare
i me lassa in gran ambascia!!

Inghistare? Sa vol dir ?
Corisponde a 4 Goti
ben, scoltème buteloti
ben lassème qua finir...

Savio quanto l'era el Goto
là nei secoli passadi??
Ben, ve digo, i n'ha ciavadi.
Do decilitri e 38 !!!

Ma ve par che ai nostri giorni
el sia un Goto un quarto scarso??
(sì.par l'imbriago marso?)
Oste!! Mejo te te agiorni

Dame alora i me arretrati
che i me speta de dirito
cambia i goti!! Fa pulito!!
Semo qua..tuti assetati !!



^ torna su ^

El sogno proibido

So che el sogno proibido del Poeta
el saria quelo de incontrar Giulieta
e discorrar con Ela de Verona
e dimandar "Madona, la perdona.

Ma elo proprio vera che el so amor
l'è stado contrastà da un gran Signor
sensa l'aiuto de quei da la Scala
o pur Da Porto el n'ha contà na bala ?"

E po' sentirse dir "L'è tuto vera
con Romeo mi son morta a primavera
ma par Verona l'è sta ben così
e tuto el mondo parla ancor de mi.

E no so quante mila letare al giorno
le riva ancora e a farme da contorno
ghò turisti, morosi, ghò sposini
a la statua de mi, de Costantini

Soto el balcon ghe n'è sempre na ressa
e tuti che me guarda e me caressa
massa ! Me par de essar a Vilafranca
chè ghò na teta mora e l'altra bianca

Ma mi po' li perdono tuti quanti
e ai morosi ghe digo de 'ndar vanti
con quel'amor che move tuto el mondo
tuti insieme in un grando girotondo !"

Eco, questo l'è el sogno del Poeta
de discorar na olta con Giulieta.



^ torna su ^

Confession a Angelin

Ghe confesso Angelin el me reato
che anca se l'è stà fato in gioventù
par Lu che l'era un grande magistrato
(de quei che forsi ormai no ghe n'è più)

saria da condanar in ogni caso
però, par ingrassiarme la so stima
el lesa quei so versi su quel baso
el primo ch'el g'hà dado a la so Nina.!

"L'è stado el primo, ma così ben dado
(se tratava del primo anca par mi )
"che mi no me l'ho più desmentegado"
(figurarse se po' l'ho fato mi !)

Ben, ghe confesso:ghò robà le rime
I ho spaciade par mie co' na butela
'na sera, al scuro, pena stadi al cine
le mane ne le man, a cadenela.

El me reato l'è che l'ho plagià
el pezo: che l'ho fato con piaser,
parchè quela butela che ha scoltà
l'è da trentani che l'è me mojer.

// Mension d'onor al 3° Premio de poesia
dialetal Angelin Sartori -1987




^ torna su ^

Vecio caval a dondolo

L'ho trovato zò in cantina
tra le asse carolade
tra le strasse slofegade
tra la mufa e la calsina

L'è el me vecio cavalon
quel che un tempo dondolava
e così el me trasportava
verso un mondo de illusion

Desso el sopèga un pocheto
su na gamba scancanada
su na stanga scavessada
el trabala par dispeto

Ma i so oci che ho sbusado
in un giorno de boresso
e me vede çerto stesso
e i dirà che so inveciado

La so boca l'è sdentada
parchè dentro g'hò guardado
el dì che i me la donado
co la solita parlada

Su! rifaghe un dondolon!
mi te monto sora ancora
mi te strenzo come alora
caro e vecio cavalon !

Te ricordito i me pianti
se me mama me criava
(e mi me lo meritava)
te ghè in mente po' i me canti

quando me parea de corar
su na granda prataria?
Te ghè in mente la mania
de parlarte, de discorar?

Come se te me scoltassi
come se te me capissi
e i me salti, e pò i me sguissi
e quel farte far dei passi

pontelando su la sela ?
Quante bele sganassade
quante bele senegiade!
Col capel de me sorela

me credeva un colonel
e dal gusto rugolava
(e me mama spaventava)
da la camara al tinel.

Voria far na galopada
su n'urton de fantasia
su na verda prataria
su na bianca longa strada

Ma ti no, no domandarme
cosa mai son deventado
de sti ani ch'è passado
no, l'è mejo no parlarme

Ti te sé chi son adesso
ti te sé le me ambission
caro e vecio cavalon
credi…son contento stesso

Parchè…
Su cavai più picenini
se dindona i me neodini.


// glossario:
carolade =rose dai tarli
slofegade=,sgualcite
calsina=calce
sopèga=zoppica
scancanada =sgangherata
boresso=allegria,mattana
criava=sgridava
sguissi=sobbalzi
rugolava=rotolava




^ torna su ^