curvasup
rena
titoli
el canto del cor
cor
[Angelin Sartori]
Omajo al grande poeta veronese
(1905-1982)

Mama

Mama! sentì che belo
che l'è sto nome santo:
l'è un nome sensa vanto
tuto sincerità.

L'è quelo che g'avemo,
lì, pronto, sula boca,
che in fondo al cor el toca
anca ci cor no g'à.

L'è un nome tanto tenero
e a dirlo intenerisse;
la boca el te impienisse,
el te impienisse el cor.

L'è quelo che imparemo
quando che semo in fasse
l'è el primo par ci nasse
l'ultimo par ci mor!

L'è el nome de quel angelo,
de quela santa dona
che tuta la se dona
par far el nostro ben;

che, atenta la te insegna
a far i primi passi,
e la te slonga i brassi
e la te struca al sen:

che quando la te mete
le prime cotoline
te incrosa le manine,
te insegna l'orassion;

e quando la te veste
de braghe e de giacheta
de to avenir inchieta
te insegna d'essar bon...

E ancora: quando cuerti
la t'avarà i zenoci,
la te vien drio coi oci
a veder 'sa te fè.

e se te caschi, pronta,
te mostra i to difeti,
e co i so modi, s-ceti
la te rimete in piè.

quando, po', sarà l'ora
de scominsiar la vita,
te insegna la via drita
piena de convinsion

e se te sè 'ndar drito
nel mondo che tradisse
el cor ghe se impienisse
da la consolassion...

e tuto quel che i dise
de ti, la scolta atenta
e a tuti l'è contenta
de dirghe: l'è me fiol.

Se te te mali, oh! alora
par che la voia dirte
ch'ela la vol guarirte
...col ben che la te vol.

Se, po', te ghe i pensieri,
sempre la te consola
e co' la so parola
la te soleva su...

La mama l'è na santa :
volìghe ben, amèla...
quando l'è morta ela,
Mame no ghe n'è piu'!



^ torna su ^

Nina...Nana...

Nina...nana....ci te cuna
l'è, putina, el to papà
che te canta, a una a una,
le strofete che'l te fa...

Nina....nana, Laura: el nome
l'ho çercà ne la poesia
par sentirte, no so come,
qualcosseta de più mia....

Nina....nana: le manine
che ropeta par ciaparse
le me par do farfaline
che le çerca de basarse...

Nina....nana: i to oceti
con quel nero sluseghin
ghe i ho visti ai angioleti
sora i quadri del Bambin...

Nina....nana: el to naseto,
maraschina o sireseta,
el par proprio un bel scherseto
che fa ridar la faceta.

Nina....nana: la to boca,
de ciucioti sempre moia,
'pena 'pena la me toca
la me fa morir de voia...

Nina....nana:le gambete,
che le ruma 'n te'l fagoto,
le confessa...s-cete, s-cete,
che qualcossa gh'è de soto...

Nina....nana: ma el to cor
che'l par sempre imboressà
par ci bàtelo de amor?
Dime, sì...par el papà....



^ torna su ^

El primo baso

Come ricordo, Nina, el primo baso
quel primo e grosso che se l'emo dà
quel giorno, in quel logheto 'ndo, per caso,
soli....un minuto serimo restà...

Come ricordo e ricordando sento
i neri ocioni toi che i me fissava,
el cor che me bateva forte drento
fin che, sensa parlar, col tuo el parlava...

Serimo lì, sospesi, zà da un poco,
quando che i labri, come calamite,
dopo de un par de ociade bele e...drite,

i s'ha tirado e....ciak,
mama che cioco!...
l'è stado el primo, ma così dado
che mi no me l'ho più desmentegado!



^ torna su ^

L'eto tratada sempre ben...?

Quando me vien la busta bela granda
con drento el cartonsin de ci se sposa
invidio i du putei che me la manda
e penso al di che ho tolto me morosa....

Ma, alora, la cosiensa, che comanda,
me vien davanti in quela serta posa
da....giudice istrutor che me domanda:
L'eto tratada sempre ben la sposa ?!

Qua ghe voria un bel <si> e invesse...taso!
Ciò, iè domande...che se resta lì...
Caro sposeto, ancò te mando un baso

e po' te digo (da marì a marì):
Quando te tocarà el stesso caso
oh! guarda de poder rispondar <<si>>...



^ torna su ^

Diese consili a 'n amigo
che se sposa

El miel de la luna de adesso
bisogna tegnerlo da conto.
El miel el ghe vol sempre pronto:
la vita l'è amara de spesso...
Bisogna evitar la sfortuna
che resta soltanto la luna.

Ancò ti te par natural
che 'l ciel resta sempre azuro:
mi invesse te digo, sicuro,
che'l vien qualche ben temporal...
Ti tegnete al cuerto e che'l fassa:
no' gh'è temporal che no' passa!

Se gira par casa..un bel muso
no' sta mai ciaparla de pèto...
Piutosto...va a far un gireto...
opur fa el <<contrito e confuso>>:
la rabia da sola la stufa...
Nissuni da soli barufa!

No sta brontolar su le spese:
l'mor se desfrenta o se cucia
se vien a mancar la fiducia.
I conti i è sempre sorprese:
ma slàrghela pur la scarsela,
...almanco guadagnarà ela....

Ricòrdete ben che la dona
se gode a sentirse dir <<sposa>>
però...vol restar to morosa:
e alora?...tegnèrsela in bona!
Ma ieri bastava un baseto
e ancò ghe vol...qualche pacheto!

De spesso portarsela a spasso,
no dirghe che gh'è da stufarse:
la dona se gode mostrarse
col so bel marì tacà-brasso...
la dona va a spasso senz'altro
e alora...o con ti...o co'n'altro!

A tola no storzar el naso
ma mòstrete sempre contento
de quelo che passa...el convento:
piutosto, se capita el caso,
ti dighe: <<oh! amor...no g'ho fame>>
e..tàia, a le sconte, un salame!

De sera, sul colpo del sono,
no vérghene mai più de ela:
l'amor l'è 'na stramba candela
(così me contava...me nono)
che no' se consuma mai più
...soltanto smorzandola in du!

E varda de essar fedele!
La dona la nasse gelosa
de l'omo che un giorno la sposa:
lo so...ghe n'è tante de bele,
ma, ormai, caro mio, serti aproci
l'è un ris-cio anca a farli co i oci.

E lassa che vegna i putini!
che i zuga, che i siga, che i spaca...
I è solo le piante che taca
che fa soridenti i giardini...
La vita l'è meio e no pezo
se vien ogni tanto un batezo...



^ torna su ^
cor