Museo Barbarani - Poesie sièlte

Le poesie sièlte del grande Berto Barbarani co' spiegassioni e parafrasi del Diretòr, par darte una man a capìr meio la grandessa de questo poeta. Nel '900 gh'era un motivo se Berto l'era conossù in tuta Italia e messo in compagnia dei grandi poeti come Trilussa o Testoni! Una persona unica che l'à rapresentà la veronesità. Quel che volémo farTe notàr, l'è la "tecnica" utilisà, che al dì de ancó vién desmentegà par far posto a de le poesie no musicali e sensa rima.

 
// Podarìa interessarte
LÉNGUA + Museo Barbarani + La vitaI Libri + Articoli + Poesie siélte + Dizionario


A I ASILI

A I ASILI

El primo giorno che i m'hà messo a scola,
g'avea i oci che i parea grondai,
par davanti parava una cariola
e strapegava par de drio un tranvai.

Il primo giorno che mi hanno portato a scuola avevo gli occhi che sembravano delle gronde, davanti spingevo una cariola e trascinavo dietro a me una carrozza.// Nelle ultime due righe notiamo come il poeta raccontala poca voglia di andare a scuola, come fosse sotto sforzo//

'Pena drento un maestro co i ociai
el m'ha tirado arente a la so tola;
'na puteleta la me fasea «ciai»
con le manine impastrocià de cola.

Appena dentro in classe un maestro con gli occhiali mi ha tirato vicino alla cattedra; una bambina mi salutava con le manine impasticciate di colla // Descrizione della classe, il maestro e la compagna di classe//

Po i m'ha dato una bela caregheta,
mi no voleva e i m'à supiado el naso,
e so 'ndà a rente a quela puteleta.

Poi mi hanno dato una seggiolina, io non volevo e mi hanno soffiato il naso, e sono andato vicino a quella bambina. // Qui si nota che la bambina che ha salutato il poeta, è diventata la sua compagna di banco //

Émo discorso un poco...Ela, poarina,
la s'à tirado su par darme un baso
e mi g'ò messo in boca una faolina !

Abbiamo parlato un poco... Lei poverina si e' alzata per darmi un bacio ed io le ho messo in bocca una piccola fava.

LEGENDA
grodai= gronde
parava=spingevo
impastrocià=impasticciate
supiado=soffiato
arente=vicino
faolina=una picola fava

Poesia de Berto Barbarani
a cura de www.larenadomila.it



ANGURIE

ANGURIE

Sui banchi de piassa
(lanterne e baloni)
le facie sganassa

I cocomeri si vendono anche di notte sui banchi del mercato di Piazza Erbe; tagliati a metà sembrano dei faccioni che ridono //

L'è sagra de angurie,
che va su le furie
da rosse che j è...

'Na fila de omassi,
con fato su i brassi
sbatendo el cortel,

i sbraia a gran vosse:
«A taio le rosse!»
L'è un dolçe massel.

// Il mercato entra nel vivo, quando i venditori grandi e grossi con le maniche rimboccate sbattendo il cortello gridano il loro motto per invogliare la gente all'acquisto.. Il taglio dei cocomeri viene descritto come un benevolo bagno di sangue come ad un macello. //

O bela Nineta,
che quando te tasi
te magno dai basi,
te colmo de amor...

// Qua il poeta abbandona la descrizione del mercato per entrare in un atmosfera più romantica che alla fine diventa divertente con il raffronto del cuore con la parte migliore del cocomero //

La vuto una feta
del magico fruto,
che el sànguena tuto,
ma sensa dolor?

« No, no... » la ripete
con nobile incuria:
« te lasso le fete,
ma dòneme el cor... »
- ???

Si, quel de l'Anguria !

Poesia de Berto Barbarani 
a cura de www.larenadomila.it

 

EL CRISTO SU LA SCALA

EL CRISTO SU LA SCALA

Poesia ambientata in un vecchio palazzo, con inquilini di varie estrazioni sociali, descritti da un Cristo crocefisso posizionato sul pianerottolo della rampe delle scale.

Quei j è beati, quei che se i se mala
tra le angustie e l'amor de 'na fameia,
i g'à el Cristo sul pato de la scala,
che l'è li, note e dì, sempre che el veia;
e de gnente el se dà de maraveia,
che la vita la cressa o che la cala:
nosse, batési, òbiti, festini,
pur che i mantegna l'oio a i sò lumini!

Quelli sono beati, quelli che se si ammalano tra le angustie e l'amore di una famiglia,  hanno un crocefisso sul pianerottolo delle scale, che è lì notte e giorno a vegliare su di loro, e di niente si meraviglia, che il costo della vita cresca o possa calare:  nozze, battesimi, funerali, feste, pur che mantengano accesi dei lumi a olio

Tri bei lumini tondi, lustri e sani,
degni d'èssar portadi in procession,
che brusa la so chiete da cristiani
con dei sguissi de santa divossion
e i dise la premura e la passion
de quei, che dorme su ai diversi piani:
nore, madone, serve, còghe esperte,
facie da «me ne impipo» e brase cuerte.

Tre belli grossi lumi rotondi degni d'essere portati in processione  che bruciano la loro tranquillità con dei fremiti di santa devozione di quelle persone che vivono nei diversi piani: nuore, madonne, serve, cuoche esperte,  persone arroganti che se ne fregano  e quelle persone che lo sono solo in certe occasioni.

Parlo de quele case vecie vecie,
da i muri saldi e grisi in 'dò se impegna
stéme, làpide, scrite de ogni specie,
col pòsso in corte e col «su e zò che vegna»
dei seci lustri, Dio che li mantegna,
che i ne porta fin l'aqua co le recie;
conto de quele case dai portoni,
dove gh'è su le Màscare e i Testoni!

Parlo di quei vecchi palazzi solidi, vecchi con incastonate  stemme nobiliari, lapidi, bassorilievi, col pozzo nel cortile, e col saliscendi delle secchie luccicanti del'acqua  parlo di quei palazzi dai grandi portoni con teste scolpite e posizionate sulla  sommità dell'arco del portone stesso

El Camaroto de la portinara,
l'è un Ufissio de posta, un...Ministero;
gh'è ci ghe trova la notissia cara
e ci una busta filetà de nero....
Chè, la vita l'è cuna e çimitero,
'na bocada de dolse, una de amara;
ci gode la salute e ci se mala,
soto a i oci del Cristo su la scala!

La portineria e' come un centro di smistamento delle notizie,  dove giungono lettere con buone o cattive notizie,  con il Cristo sempre atento e vigile

A l'Orsola, casante, in streto luto,
dai caneloti bianchi, fini, fini,
vedova de un Patrissio decaduto
dal più nobile piano ai mesanini,
(ma ci pensa a la Sorte dei destini,
che j è le forse, che comanda a tuto...?)
promete el Cristo soridente in viso:
«Te farò portinara in paradiso!»

// Viene descritta la Portinaia in lutto  dai capelli riccioloni bianchi e finissimi,  vedova di un ex-nobile e lasciata sola al suo destino. Il Cristo per tenerla su di morale  le promette di farla portinaia in Paradiso //

Serve e parone - Jè 'na lengua sola,
tuta 'na sporta, par la spesa in piassa...
(Ah, l'è un tormento, quelo de la tola,
se el paron l'è bisbetico de rassa...!)
I fioi de casa, discoli e «bardassa»,
(Ah, l'è un problema quelo de la scola!)
par distinguerse in classe e far cariera,
i vien zò a cavalon de la ringhiera!

Quando c'è da fare la spesa al mercato sia serve che padrone si comportano nella stessa maniera.Preparar da mangiare al burbero padrone di casa e' un problema. I bambini monelli che vanno a scuola per distinguersi da gli altri alunni  scendono a cavalcioni della ringhiera delle scale.

Sto sventolar de còtole, sto ciasso
fato de bagolessi e bonomia,
se, da una parte, el te metea in tremasso
quei tri lumini a oio e «così sia»,
el «Cristo» che l'è sempre in agonia,
seco, inciodà, che no'l destaca un brasso,
parea el disesse: Pur che no i se mala,
vegna i putèi da mi zò par la scala.....

// Il Cristo piuttosto che la gente sia ammalata o in fin di vita preferisce sentire il chiasso e i pettegolezzi //

Se una pora sposéta apassionada,
parchè el marì no porta a casa schei,
piomba zò dal so buso, desparada,
co le mane, diremo nei cavei:
- Ci ghe cava la fame a i me putei?
la ghe çiga davanti inzenociada....
Risponde el Cristo coi dovuti modi:
- Dona, guardè, anca mi, son pien de ciodi!

Una povera giovane sposa afflitta, perchè il marito no porta a casa lo stipendio  scende dalla soffita dove vive, dispetara, con le mani tra i capelli:inginocchiata urla e domanda al Cristo come fa a dare da mangiare ai propri figli // Il Cristo si anima e risponde con doppio senso: anch' io sono pieno di chiodi-debiti //

Invesse, se l'è el solito impiegato
a la Banca del .... Loto e co la luna
sempre in traverso par quel tristo stato,
de dar via firme cabale e fortuna
e a lu no ghe ne va ben gnanca una
e sul camina ghe dorme spesso el gato...
Dise el Cristo sul pato de la scala:
- Pensa, che mi son nato in te 'na stala!

Invece il solito impiegato del Lotto abituato a dare i numeri vincenti agli altri  mentre a lui stesso mai e per questo motivo di malumore, ha il camino del suo appartamento spento  Il Cristo si anima e consola l'impiegato dicendogli che non deve lamentarsi della sua vita,  in quanto non e' nato in una stalla come lui.

Eco, che al primo pian, vive 'na mata
de siora, che mantien, l'unica un lume
co l'oio bon, che i consa la salata...
Ma ogni altro dì la sfodra un qual costume
e nastri e guanti e capelini e piume,
e ancora no la par ben sodisfata...
Brontola el Cristo a sta galanta dona:
- Conta, le spine de la me corona!

Al primo piano vive una signora eccentrica, l'unica che mantiene il lume acceso al Cristo con l'olio di buona qualità che usa per condire l'insalata. Ogni giorno si veste in maniera diversa e non è mai soddisfatta Il Cristo si anima nuovamente facendo presente alla Signora  di non lamentarsi della sua vita perchè lei non ha  in testa una corona di spine ma cappellini con piume.

E al so degno marì, che da vint'ani
vien casa tondo come un barileto,
dai gran goti trincadi, fra i bacani
de continue baldorie un qual bancheto:
- Ele ore queste de corgarse in leto...?
Digo, ele ore queste da Cristiani ?
Parlo con lu, sior conte, co la bala !
- E ti ci sito?- El Cristo su la scala ! -

La Signora ha un marito che da vent'anni  torna a casa ubriaco, da feste e banchetti // Comincia il dialogo grottesco tra il Cristo e l'ubriaco //

Giusto lu, che l'è santo e l'è divin....
(risponde l'altra de la via, campana)
Com'ela stada...là, in quel tal festin....
Un presso poco a l'epoca romana...
Speta, che pensa...No..! Nosse de Cana,
che el g'à cambiado l'aqua fresca in vin?
- Sì l'è stà un bel miracolo e anca bruto;
ma ti, brigante, te lo bevi tuto!

E così tuti i giorni l'è una scena,
un contrasto, una bèga, una passion
tra quei, che spesso salta via la çena
e quel, che crepa da 'na indigestion,
ci mena vita de consolassion
e ci la passa quasi sempre in pena...

Solo, sto poro Cristo, tra i cristiani,
l'è amigo e el dotor de tuti i piani !

/
/ La morale: c'è gente che stà più o meno bene magari che non si parla o non dialoga con gli altri mentre l'unico che va d'accordo con tutti e che veglia su di loro è il Cristo //

Poesia de Berto Barbarani
a cura de www.larenadomila.it

EL PIANOFORTE

EL PIANOFORTE

L'eto mai visto un Pianoforte, Nina?
 l'è un afar, che se sona con le mane,  
el g'à le corde come le campane  
ma par sonarlo ghe vol testa fina!

Berto descrive alla morosa  come è costruito un pianoforte,  per usarlo bisogna essere intelligenti

 El par tuto el casson che gh'è in cusina:  

l'è alto un metro, largo un par de spane;
 quando i lo toca ben, vien le scalmàne
e col çervel se va, che se camina.....

Ecco le misure del piano.  alto un metro, largo due spanne  e grande come una cassa di quelle  dove si conservava un tempo il pane cotto.

 Par davanti vien fora un pontesel,  
uno de quei pontesei sensa ranghiera,
 con pierete messe zo a penel.

La tastiera sembra un vecchio ponte,  come quelli che si vedono sopra ai torrenti con le pietre affiancate una a l'altra  che vanno a formare l'arcata  e senza la ringhiera di protezione.

 Ghè do tre piere bianche e po' una nera,
 come i to oci, se te guardi in çiel,  
come i to oci, se te guardi in tera!

Qui il poeta "servendosi" del pianoforte  fa un complimento alla morosa.

Poesia de Berto Barbarani
a cura de www.larenadomila.it


I VA IN MERICA

I VA IN MERICA

// Capolavoro del Grande Berto conosciuto in tutto il mondo e tradotto in molte lingue,    dove viene descritto il dramma  della Grande Emigrazione in America.  La poesia e' divisa in due parti:  la descrizione del territorio con la carestia  e la dura decisione di partire //

 Fulminadi da un fraco de tempesta,
 l'erba dei prè, par 'na metà passìa,  
brusà le vigne da la malatia  
che no lassa i vilani mai de pèsta;

// La calamità naturali non danno tregua ai contadini;  la grandine ha rovinato il raccolto,  l'erba dei prati è appassita,  e le vigne morte a causa di una malattia. //

 ipotecado tutò quel che resta,
 col formento che val 'na carestia,
 ogni paese el g'à la so angonia
 e le fameie un pelagroso a testa!

// Ogni paese ha le sue disavventure  come le famiglie colpite dalla pellagra che hanno ipotecato tutto quello che potevano per poter compiere il lungo viaggio.//

Crepà, la vaca che dasea el formaio,
 morta la dona a partorir 'na fiola,
 protestà le cambiale dal notaio,

// Morta la mucca che dava il formaggio,  morta una donna mentre partoriva una bambina,  protestata la cambiale dal notaio, //

na festa, seradi a l'ostaria,  
co un gran pugno batù sora la tola:
«Porca Italia» i bastiema: «andemo via!»

// una festa chiusi dentro all'osteria,  dando un gran pugno sulla tavola:  "Porca Italia" bestemmiano: "andiamo via!" //

 E i se conta in fra tuti.- In quanti sio?  
- Apena diese, che pol far strapasso;
 el resto done co i putini in brasso,  
el resto, veci e puteleti a drio".

// I Capifamiglia seduti all'osteria fanno la conta di quante persone sono forza-lavoro una volta sbarcati in America ....appena dieci, il resto donne con in braccio i neonati,  anziani e bambini. //

 Ma a star quà, no se magna no, par dio,  
bisognarà pur farlo sto gran passo,  
se l'inverno el ne capita col giasso,  
pori nualtri, el ghe ne fa un desìo!

// Un momento di riflessione scuote l'animo  di questa gente disperata  Stare qua si muore di fame,  bisognerà per forza farlo questo gran passo,  se l'inverno sarà rigido,  poveri noi, ne farà una strage! //

Drento l'Otobre, carghi de fagoti,
 dopo aver dito mal de tuti i siori,  
dopo aver fusilà tri quatro goti;

// A ottobre inoltrato, carichi di valigie e stracci,  dopo aver maledetto i signorotti o i nobili,  dopo aver bevuto in gran fretta tre-quattro bicchieri di vino; //

co la testa sbarlota, imbriagada,
 i se dà du struconi in tra de lori,  
e tontonando i ciapa su la strada !

// con la testa confusa, frastornata,  si danno dei grossi abbracci,  brontolando e camminando in modo incerto  prendono la strada e si avviano! ///

Poesia de Berto Barbarani
a cura de www.larenadomila.it

LA BOGONELA

LA BOGONELA
(Chiocciola)
 
La bogonela l'è una roba giala
tuta piena de pocio molesin,

che vista da lontan, la par' na bala,
che cora in pressia: ma la va a pianin..

Berto descrive la chiocciola, gialla,  molle che sembra una palla che corre  veloce ma che in verità va piano.

 La ghe mete du giorni a far 'na scala
 e la fà quatro tape par scalin...
 Oh! Siòra bogonela, dove vala?
Vado par aqua...S'à impissà el camin..

Infatti va talmente piano che impiega  due giorni nel percorrere una scala.  All'interno della poesia viene inserita un'intervista al mollusco da parte del poeta. La "bogonela" va in cerca d'acqua per non  scottarsi quando viene acceso il camino.

 La me morosa, invesse, oh Dio, la core
che l'è la ferovia de casa nostra;
se ghe disì de star sentà, la more...

Qui viene messa a confronto la morosa  del Berto con la chiocciolina e infine  una delle battute nel suo classico stile.

Ma se g'ò da contar la verità,  
la bogonela, i corni la li mostra,
e me morosa invesse la li fà!

La sua morosa rispetto alla chiocciolina  corre come un treno e gli fa le corna.

Poesia de Berto Barbarani
a cura de www.larenadomila.it

L'AVE MARIA

L'AVE MARIA

// 'Sta poesia che fa parte dei soneti "Le Montebaldine"  composte a la fin del '800 ne mostra 'na cosa particolàr  la presensa de terzine e no de quartine tanto care al poeta

 Le lusertole verde  
le scapa par le sese  
in fin che le se perde;

 // Le lucertole scappano per le siepi  fin quando si perdono //

le done del paese
le cata su i radeci
in meso a le vanese.

// Le donne del paese raccolgono  i radeci nelle aiuole dell'orto //

Su un mureto, gh'è i veci
che se la conta; al posso
vien le spose co i seci.

 // Su un muretto gli anziani chiacchierano tra loro,  e le giovani donne (o nuore) con i secchi al pozzo //

Co le gambe in te 'l fosso
gh'è dei putei che pocia
e i se trà l'aqua a dosso....

// I ragazzi con le gambe nel fosso  giocano co' l'aqua //

La campana batocia....
Pianse l'Ave Maria
e tui i se insenocia.....

// La campana suona l'Ave Maria  e tutti s'inginocchiano //

- Oh, che malinconia!

 Poesia de Berto Barbarani
a cura de www.larenadomila.it

MATINA DE BOSCO

MATINA DE BOSCO

Gh'era fresco nel bosco, e in meso a i ciari
fati dal sol traverso via le foie,
le pignete cucià su l'erbe moie
le ghe dava el bon giorno ai castagnari.

C'era fresco nel bosco, grazie al chiaro della luce del sole che passava attraverso le foglie, e le pigne cadute su l'erba bagnata davano il buongiorno alle piante di castagno.// L'atmosfera mattutina nel bosco, nei giochi di luce e della rugiada mattutina //

Quà se stà chieti, fora da i afari,
no gh'è passione drento che ne boie,
no gh'è teatri che ne fa le voie
e se sta ben sentà su sti sentari.

// Al poeta ogni tanto piace una forma d'isolamento fuori dalla solita vita frenetica, lontano da tutto e da tutti stando seduto magari su una pietra a meditare //

Gh'era un campo lì a rente;
da distante l'arietina zugava sul sarfoio,
e i bai se destacava da le piante...

C'era un campo lì vicino mentre una brezza accarezzava l'erba del trifoglio e gli insetti si staccavano, cadevano dalle piante

L'ho ciapada a la vita e quante e quante
cose g'ò dite col çervel de boio...
La m'à risposto: te lo fe con tante!?

// Il poeta come in un film finisce la scena  descrittiva del bosco per entrare in un atmosfera  romantica con la sua donna //

 LEGENDA
sarfoio= trifoglio  
a rente = vicino
sentari = sedili rustici

Poesia de Berto Barbarani
a cura de www.larenadomila.it


NINA-NANA DE LA NEVE

NINA-NANA DE LA NEVE

La fioca da l'alto,
col paracadute...
L'è tanta salute
sul nostro giardin....

La neve cade delicatamente dal cielo ed è di aiuto per le piante (in questo caso del giardino), che l'assorbe lentamente.

Che ris-cio, che salto!
la comoda el leto
pianeto, pianeto,
montando el piumin.....

La neve che cade si aggiunge a quella già presente, formando un manto. Il poeta fa una similitudine tra neve e un comodo letto.

El çiel l'è de smalto,
scampàna la Pieve....
Se dorme la neve,
fa nana putin!

Il cielo bianco dovuto alla neve sembra quasi smaltato e le campane della pieve suonano a festa. La neve riposa col suo delicato manto come il bambino nella culla.

I rami dei pigni
tastandola nova,
dal gusto che i prova,
ghe bate el morbin....

I rami dei pini si muovono con tanta allegria per la nuova neve che cade.

J è ochi, i è cigni
che marca cucagna,
j è Grandi de Spagna,
che sfogia armelin!

Berto paragona il piumaggio bianco delle oche e dei cigni alla neve oltre al mantello bianco d'ermellino dei reali di Spagna

Ma ti, te ransigni
i brassi!? Conforme
la neve che dorme,
fa nana putin!

Il bambino dorme placido come la neve con le braccia sotto alla coperta

I bei passaroti,
ciapandola tuta,
i canta: Che bruta!
squassando el coin....

I passeri si scrollano della neve che cade addosso

E mi con du goti
de Val Polesela
la neve putèla
marido col vin...

Berto fa un omaggio alla neve fresca, un brindisi con un paio di bicchieri di vino

Bèline, puoti,
sbadaci de luna....
La neve te cuna,
fa nana putin!

Gingilli, bambole, fantocci attorno alla culla e grossi sbadigli, il bambino dorme.

Poesia de Berto Barbarani
a cura de www.larenadomila.it

QUÀ DOVE L'ADESE

 

QUÀ DOVE L'ADESE
(Qua dove l'Adige)

Quà, dove l'Adese, sensa fermarse
rompe nei ponti la so canson,

Qua dove l'Adige, senza fermarsi, rompe nei ponti la sua canzone  // viene descritto il percorso del fiume come una "cavalcata" melodica //

stao atento ai versi che pol negarse,
li tiro a riva, col me baston...

sto attento ai versi che rischiano di affogare, li tiro a riva col mio bastone

Li tegno al suto, li meto al caldo
parchè i renvegna, che i ciapa fià,

Li tengo all'asciutto, li metto al caldo perchè rinvengano, che prendano fiato, forza

li mando a spasso sul Montebaldo
che li fa degni de sta çità.

Li mando a spasso sul Monte Baldo che li fa degni di questa città

Quando jè svelti, libari e pronti,
ridoti a l'uso de la rason,

Quando sono svelti, liberi e pronti, ridotti all'uso della ragione

mi che me godo guardar dai ponti,
rompo ne l'Adese la me canson....

io che mi diverto a guardare dai ponti urlo la mia canzone nelle acque dell'Adige

Canto i molini, canto le ciese,
co la me solita sincerità,
canto le done del me paese
e un bel simpatico che no se sa...

Canto i molini, canto le chiese, con la mia solita sincerità, canto le donne del mio paese con allegria e simpatia che non si può immaginare

Se la me vita de tuti i giorni
la va via ciara, canto così:
se la fortuna la me fa i corni,
màstego amaro par tuto un dì;

Se la mia vita di tutti i giorni prosegue semplicemente,
canto così: se la fortuna mi abbandona mastico amaro per tutto il giorno

me scondo drento de 'na ostaria,
nego la rabia drento nel vin....
Torna l'alegra malinconia,
caval del mato del me destin!

mi nascondo dentro ad un ostaria,
affogo la rabbia nel vino
Torna l'allegra malinconia,
cavallo di battaglia del mio destino!

Poesia de Berto Barbarani
a cura de www.larenadomila.it


SCANDALI

SCANDALI

Me morosa l'à podudo
farse un abito da festa

inguarnido de veludo...
ma guardè, guardè che testa:

l'à vossudo e stravossudo
lassar fora da la vesta
un tocheto de col nudo!...
Pò, la dise che l'è onesta!

Berto, definisce scandaloso il pezzetto di collo della morosa che s'intravade dal vestito da festa e adirittura dubita che sia una donnaccia

E così no g'ò più chiete!
Cosa mai dirà la gente,
cosa mai diràlo el prete?

Mi lo so, che no se peca,
lo capisso, no l'è gnente...
Ma me seca zà, me seca!

Ovviamente all'epoca era uno scandalo vedere una donna scollacciata e così cominciano le paure del poeta sulle probabili dicerie della gente che troviamo nei versi qui sotto "strassa de.... i ghe taca"

Parchè, intanto, ci la vede
caminàr così scolada,

cissà ma i cosa i la crede,
e che strassa de velada

i ghe taca - i trà la rede,

par ciaparla a la pescada...
Manco mal che mi g'ò fede
ne la Nina inamorada!

Ma che arie, che boresso!...
La va via come un galeto;
la s'avesse almanco messo,

torno al col, 'na siarpa, un velo,

so i mi...un nastro...un fassoleto?
Maledeta! Gnanca quelo!

Berto, si pone delle domande sul perché la sua Nina non copra le "parti" provocanti ma l'amore per lei è più forte delle dicerie ma la percentuale che venga adescata è alta "i trà la rede pescada"...

Poesia de Berto Barbarani
a cura de www.larenadomila.it

SE FA L'AMOR

SE FA L'AMOR

// Berto ci porta alla scoperta dei posti più intimi, che frequentava con la sua bella.  L'amore è matto tanto da trasformare il genere umano in molte occasioni! //

L'amor l'è mato come la farfala,
la farfala che va de quà e de là,
intorno ai lumi de una bela sala,
'rente a çéste e ai banchi del marcà....

Se fa l'amor sul pato de la scala,
su le banchete fora de çità,
col cor in carneval, che bala e bala,
 Col naso in aria e la boca tirà.

Si fa l'amore nel senso di baci, coccole, carezze,  sul pianerottolo delle scale, sulle panchine col il cuore che sussulta

Se fa l'amor, col colo voltà in suso,
de soto a un pontesel che ne fa el muso,
se fa l'amor parlandose da un buso.

Si da un bacio allungando il collo alla propria amata nascosta nell'ombra sul balcone, attraverso una fessura.

Sora el sofà, magnandose co i oci,
le man in man, la testa su i zenoci,
verdi de voja come du fenoci!

Si fa l'amore sul divano, attaccati come due finocchi... (qua a vostra libera fantasia)

Poesia de Berto Barbarani
a cura de www.larenadomila.it

SOTO L'OMBRELA

SOTO L'OMBRELA

Poesia pubblicata sul giornale Can da la scala del 1897. Barbarani in questa poesia descrive quell'atmosfera amorosa che si respira accanto alla donna o all'uomo che ami, in un contesto molto romantico, sotto l'ombrello mentre piove.

Piovea! Sora l'ombrela
la piova la ciocava
e i oci mei de mi con quei de ela
par soto i se incontrava

La scena si divide in due parte. Immaginiamo come in un film, una doppia inquadratura. Sopra l'ombrello una bella pioggia, forte, mentre sotto lo sguardo tra Berto e la sua ragazza.

E mi pensava: adesso
se el maestro me vede,
corpo de un can, che'l me ne fa un processo
che nissuni lo crede......

E quel'altra, scansando
le boteghe più ciare:
<<Sior, sior>> - la me disea <<me racomando
che no cata me mare!>>

Un tempo farsi vedere con certi atteggiamenti amorosi in pubblico era un comportamento scandaloso. La paura di essere scoperti dai genitori era forte, così il tutto era fatto di nascosto  o quanto meno non passando davanti a botteghe o posti affollati dovela gente poteva cominciare con i pettegolezzi.

E mi furbo, par ela
e un poco anca par mi,
pronto co i oci a manovrar l'ombrela,
par così e par così....

Berto, gioca con l'ombrello, ma più che un gioco veniva usato come scudo a seconda delle circostanze, per non essere visti.

Sempre svelti col passo
la ciapavimo tuta;
el çervel me disea: bùteghe el sasso,
qel'altra disea: buta...

Per paura di essere scoperti i due morosi accelerano il passo, ma così facendo, l'ombrello non serviva praticamente più a niente.  Qui Berto dopo aver descritto le ansie, le paure e le varie scene amorose, ci mette a conoscenza di cosa gli stava passando in testa in quel momento. Voleva fare il primo passo, ma era incerto.

Fin che un colpo, dal caso,
g'ò strucà el brasso drito...
Epur, no sta bon de darghe un baso!....
Cissà cosa l'à dito?!

Incertezza e timidezza di Berto che no gli ha permesso di farsi avanti e di darle il bacio, con i conseguenti dubbi su cosa Lei avrà pensato in quel momento.

Poesia de Berto Barbarani
a cura de www.larenadomila.it


VAL D'ADESE

   

VAL D'ADESE

// Poesia in 10 sonetti, pubblicata per la prima volta nel 1902 sul mensìle milanese"Il Secolo XX" dove Berto durante una gita autunnale in carozza ne descrive questa bella valle Si parte dal vècchio confìne tra Italia e Austria appena dopo Ossenigo passando per Dolcè e per finìre alla Chiusa e Volargne....//

 I

 Dopo de aver lassado quel paese  
dove che dorme stofegado un sigo  
par 'na vecia rosaria de pretese,  
che guai se le disesse - e no le digo,

//  Berto fa riferimento alla presenza asburgica  in Trentino che soffoca l'italianità, diventata  ormai una vecchia questione storica //

 parchè za me capisse quei che lese  
mi e me fradel dotor, co 'n altro amigo,  
omo de testa e gran pitòr de cese,  
èmo fato una tapa a Ossenigo.

 // In carrozza oltre al poeta, il fratello medico  condotto a Dolcè e l'amico pittore Giovanni Bevilacqua.  Prima tappa nel paesino di Ossenigo //

 E, molando 'na ocià par la valada
 dove l'Adese va lustrando via
le scarpe a i monti che ghe dà la strada,

 dopo gnanca l'afar de un quarto d'ora,  
èmo visto scapàr la ferovia,  
co le tedesche che vardava fora...

//.... Lo sguardo si perde per la vallata mentre  passa un treno carico di turisti tedeschi e austriaci....//

 II

 Che matina de passe ! no se sente  
altro ciasso che quel dei campanei  
de un par de cari che ne passa arente
 carghi de asse e rossi de quarei.

//....Ma a parte il treno, un silenzio quasi surreale  avvolge le contrade che viene interrotto  solo dal passaggio di due carretti che trasportano  assi di legno e mattoni rossi...//

 Semo in carossa. Nissun dise gnente;
 l'aria fina stùssega i çervei,
 fin che trotando n'è saltado in mente
 de fermarse davanti a du restei...

 Quà un ciacolar de pàssare contente 
 su par le crosse, ne cantava in çento:  
Quanta gente che more, quanta gente!

 O bel camposantin perso par la strada,  
morir onesti e capitarte drento,  
no, la morte no l'è sta gran secada!

//...Anche in carrozza non volava una mosca,  immersi con la mente in questo mondo che possiamo definire  fantastico; all'improvviso si ferma davanti a dei cancelli  di un piccolo cimitero dove si sente cinguettare  dei passeri sopra le croci delle tombe....//

III

E avanti un toco. La val se destende
 longa e scura su l'Adese che core,  
e, de quel passo che l'ombrìa se arende,  
un sol tardivo va sugàr le fiore.

//....La descrizione della vallata quasi sempre in ombra,  dove il sole fa capolino per poche ore ..//

 No gh'è palassi, parchè el sior no spende,  
ma pore case e musi de pastore,
 e boschi e sassi e sengie che no rende
 e in meso a i boschi una canson che more.....

 << O barcariol, bel barcariol de trento,  
imprestème la vostra barchetina,  
che la me dona vol saltarghe drento. >>

//...Non ci sono palazzi di nobili e signori  ma un ambiente povero con case contadine,   dove il grigiore delle rocce si fonde con una terra  martoriata dalla guerra; Berto fa riferimento  al primo conflitto mondiale proprio col canto degli alpini del 7° Battaglione Cadore "O Barcarol de Trento"...//

 I fili del Telegrafo, destesi,  
ne acompagna, man man che se camina
 insegnandose i nomi de i paesi.

 IV

 Qua l'è Beluno in testa a la valada,  
col sol d'Italia che ghe bate a i veri;  
più in quà Ossenigo trovà su par strada,
 più in quà Rivalta, de fassada a Peri.

//....Ecco in rassegna il cuore della Vald'Adige  con i suoi caratteristici paesi al confine con l'Austria...//

 Ciese a remengo, quasi sensa intrada,
 campanileti che no g'a pensieri,  
picoli, svelti, pronti a la sonada,
 come una compagnia de bersalieri....

 Sia che Pasqua o Nadal ghe meta in mente  
che Dio l'è nato drento in te 'na tana,
 e po' l'è morto par la pora gente,

//....Un momento di spiritualità  con un pensiero alla cristianità ...//

 sia che i todeschi vegna zò a Verona,
 e le campane scampana, scampana,
 fin che dai forti gh'è el canon che tona!

//....Il riferimento è a questa terra denominata "dei Forti" ...  come quelli di Rivoli, di Ceraino, di Monte e il San Marco... //

 V

 Ciacolè, ciacolè pura campane,  
che in fin dei conti sì comare oneste,  
e se a sto mondo gh'è miserie umane,  
l'è che gh'è più batocoli che teste.

//....Il riferimento alla guerra è sempre presente  con le relative miserie che provoca  e alla gente "suonata" che la vuole ... //

 Quel l'è Brentin che vive de arie sane  
drento a un nio de boscheti che lo veste,
 coi pìtari che canta da le feste  
e i prà che beve ne le so fontane.

 E in çima a un crepo, che te spaca el monte  
par dr passo ai gran comodi de un progno  
che move le rude e far cantar molini;

 su da una scala de mile scalini,  
taià nel vivo e che sta su par sogno,  
'na madoneta fa le grassie sconte!

//....Entriamo a Brentino con la natura in festa,  ai piedi della montagna spaccata in due da un torrente   e dove ammiriamo il Santuario della Madonna della Corona  che sovrasta il paese e quasi sospeso nel vuoto...//

 VI

 Se mi g'avesse du cavai che trota,  
che sgolasse par aria al me comando,
 come se sente sul camin che scota,  
ne le rosarie, che i ne va contando;

 de sentiero in sentier, de grota in grota,  
de sengia in sengia sempre galopando,  
par strada giusta o su la strada rota,  
a seconda el çervel se va pensando,

 ora in çima a un gran monte, ora zò in fondo  
de un precipissio dove l'aqua rusa,  
e in nome de la vecia poesia,

 su tute le montagne de sto mondo  
vorìa piantarghe una canson che slusa
 e una bandiera che la fusse mia!

//....Berto viaggia con la fantasia, al galoppo di un  bel cavallo per tutta la vallata, come in certe favole che ascolti  davanti a un camino e concludendo il sonetto  sempre con l'ennesimo riferimento alla "bandiera" ...//

 VII

 E, fato forte da sti gran tormenti  
de grandessa, che in giro, eco me mena,  
se manca l'aqua, pónzarghe la vena  
ai monti alti e far stabilimenti,

 descuèrzar cave de ori e de argenti,  
fin che la gente la de fusse piena,  
parchè ci suda a sfadigar de schena  
no g'abia da partir sui bastimenti.

 E, fate çento cesoline d'oro,  
dessemenade in çima a i monti e atente
 a cantar gloria in punto a mesodì,

 tra marmi e sede del più bel lavoro,
 cassarghe drento a benedir la gente,  
quela madona che me intendo mi!

//....Berto, il poeta dei "pitochi", si augura, che la povera gente  della valle, non debba morire di fame e magari prenda una nave per emigrare all'estero, così dalle montagne si spera "sgorghi" non  solo acqua ma oro e argento in modo da sfamare la popolazione..//

 VIII

 El campanil de Rivoli se impissa  
col sol de Italia che de drio se sconde:  
e dai forti che in aria, eco, se indrissa,
 altri foghi, altri ciari ghe risponde.

 E brusa tuta la valada, e a bissa-
boa spïuma l'Adese - e le onde  
soto el sol le te par polère bionde  
che salta intorno a la cavalarissa!

 Quà Napolion l'à vinto una batalia!  
Ma de note, se vede a luna bassa,  
pronti a ciamarse e a dimandarse scusa

 soldadi morti in meso ala mitralia  
che el vento eterno de sti loghi spassa  
par Cerain, portandoli a la Ciusa.

//....L'Adige passa a fianco del paese di Rivoli,  e tra i forti della vallata in guerra, dove il vento,  sempre presente nella zona, trasporta i soldati morti  di tante battaglie alla Chiusa di Ceraino, località famosa per  l'importante vittoria napoleonica nel 1797, a testimonianza,  poco distante, i resti del famoso obelisco....//

 IX

 Fèrmete Nane, fèrmete 'na s-cianta  
che guardemo ben ben sta maraveia!...  
L'Adese in corsa, quà, par che el se incanta
 come un vecio pastor che se indormeia

 soto la capa del camin, che sfanta  
tuti i dolori de la so fameia,  
e gnanca el grio par no sveiarlo el canta....

 nè la paura de sti monti a pico,  

nè la ferata che ghe rusa in fianco,  
nè le sfuriade che ghe bate el vento,

 nè le memorie del gran tempo antico,  
quando le mule col vestito bianco  
portava a spasso i Vescovi a Trento.

//....Berto richiama l'amigo Giovanni "Nane",  ad ammirare il paesaggio,  dove l'Adige in corsa  resta talmente incantato del bel panorama, da non essere  distolto neppure dal treno che passa a fianco o dal vento forte  non badando nemmeno a chi è passato di lì secoli prima.  A tal proposito si fa riferimento ai quadrupedi bardati che trasportavano i Vescovi che andavano al Concilio di Trento  tra il 1545 e il 1563.....//

 X

 Eco el forte de Rivoli, che leva  
alta la testa, e quel de Monte, e a sanca
 quel de Cerain che quasi gnanca,  
tanto l'è basso, no se lo vedeva.

 Eco Gaion da la bareta bianca,  
col so camposantin che par che el beva
 l'aqua fresca de l'Adese. e el riceva
 tuto quel sol che da la Ciusa manca.

 Quel l'è Volargne e quel l'è Domeliare,
 e Sant'Ambrogio de Valpolesela  
co i marmi rossi de le so preare.

 Dopo, l'Adese el va par loghi sconti  
traverso ai campi de Verona bela,  
bagnando rive e saludando ponti....

//....E per concludere in bellezza  ecco in rassegna tutti i paesi e le contrade  dell'ultimo tratto di Vald'Adige  e dei primi grossi centri della Valpolicella  che il fiume incontra dopo la Chiusa.

Poesia de Berto Barbarani
a cura de www.larenadomila.it


 
// Podarìa interessarte
LÉNGUA + Museo Barbarani + La vitaI Libri + Articoli + Poesie siélte + Dizionario

Pin It