Museo Barbarani - Poesie - Giulieta e Romeo

Giulieta e Romeo, l'opera più grande del nostro Berto. Se pol catàr la prima versión del 1905 e la tersa del 1941, 'ndoe le difarense jè veramente tante, ghe ci dise 150 ma in verità jè molte de più, difarensa che catemo nel nùmaro totàl dei versi tra le du versioni, 729 a 716. Sicuramente dal punto de vista stilistico la tersa, l'è sens'altro la più completa e logica. La cosa più incredibile, l'è, che el sucesso in Italia, sia vegnù con le prima versión, partì poemèto e deventà un qualcosa da contàr ai altri in prima persona nel tempo.


GIULIETA E ROMEO - VERSION 1941

VERONA preludio

(Preludio)

VERONA

EL POETA
Vorìa cantar Verona, a una çerta ora
de note, quando monta su la luna:
quando i boschi che dorme el par che i cora
drento barche de sogni a far fortuna

drio a l'aqua de l'Àdese che va
in çerca de paesi e de çità.

E alora che è finì tuto el sussuro
speciarla zò ne l'Àdese, dai ponti
e comodarla mi, muro par muro,
tuta forte nel çercolo dei monti...

E in dove che è piantà Castel San Piero,
su le rovine del teatro antico,
védar levarse su come de fero
tuto intiero el castel de Teodorico,

e imaginarme rampegada a dosso
'na Verona cambià nei so colori,
tore e muralie del quarel più rosso,
case dipinte e ponti levadori,

che se specia ne l'Àdese che va
in çerca de paesi e de çità.

Così messa la scena, eco, vorìa
castigàr la çità de quela gente
che, par odio o passion de signoria,
sempre in barufa par 'n'afar de gnente,

drio ai pilastri dei porteghi, nei vicoli
sconti, tra el fumo de le torse a vento,
su quela brama de sfidar pericoli,
a tre, a quatro, a compagnie de çento

i se spetava par saltarse adosso,
pronti a la spada, ma al cortel più pronti,
pur che se veda córar sangue rosso,
pur che se senta tombolar da i ponti

qualche morto ne l'Àdese che va
in çerca de paesi e de çità!....

Così messa la scena, eco, vorìa
portarve soto a una finestra granda,
tuta saor de vecia poësia,
a colonete che se racomanda

 museo berto barbarani www.larenadomila.it

a quei che passa, che no i volta via
sensa vardarla, sensa far dimanda
de qual vecia casada, eco, la sia,
ci sia mai quel paron che la comanda.

Da là drento Giulieta discorea
con Romeo, col so dio, col so signor;
e l'era tanto el ben che i se volea
che no gh'è omo, no gh'è pianta o fior,

no gh'è mar, no gh'è Àdese che va
in çerca de paesi e de çità

che possa dirlo! - O storia de morosi
capitada fin quà a traverso i soni
che tanti inverni, quando ch'era sposi
i papà de i papà de i nostri noni;

e ciese grande da le porte verte
lavorade de rissi e de figura,
o madonete piturade e inçerte
fra un San Bernardo e un San Bonaventura;

o mercanti de lane, o piere sante,
fate de un marmo che trà fora el griso,
de le miserie de avì visto tante
ma el vostro muso l'è restà preciso;

tanto de rughe el tempo v'à segnado
tanto de rughe el tempo v'à lustrà,
e l'Àdese in passando v'à basado
e l'Àdese rompendo v'à lavà....

Po’ l'è tornado a posto, el s'à insognado
altri ponti, altre case, altre çità!...

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it


NOTTURNO I

NOTTURNO  I

EL ZUGO DEL CAPELO

I

EL POETA
Quante lanterne in casa Capeleti!
Atenti, gente, se andè là a balar,
che ‘sti castei g’à çerti trabocheti
che l’è un momento quel de strabucar…

Poco parlar
che le ciacole pol sveiar sospeti
e se finisse po’ col barufa…

La «Capeleta» vestida de bianco
la volta in giro el so bel par de ocioni;
se tanti pagi co la man sul fianco,
ghe se vorìa butarse a zenocioni,

Oh che mincion!
Quando che Amor g’à tuto stabilido
no gh’è nissuno, che a cambiar sia bon.

Romeo Montecio, un cavalier pulito,
de i Monteci el più zòvene e el più sior,
eco, el capita drento a passo ardito
col rosmarin più verde in çima al cor...

Oh che slusor!
L'inamorà se ‘l vede dal vestito
e la morosa dal cambiar color.

museo berto barbarani www.larenadomila.it

II

Marcheto Guercio, in meso a tanta gente,
bufon de corte e sbafador de valia,
sempre drio a pensar mal, sempre in batalia
de andar a feste sensa spendar gnente,

Marcheto Guercio, el s'era messo arente
a Madona Giulieta e a la so balia
e dei confeti el ghe fasea regalia
e de ociadine el ghe fasea presente.

Solo el g'aveva un ridicolo difeto;
che le so mane, nel tocarle a pena,
le pareva ingiassè un sorbeto,

sia che el fusse de inverno o pur d’istà,
a pansa uda o co la pansa piena,
a casa, a spasso, in cièsa o in società! 

museo berto barbarani www.larenadomila.it

III

Così scominçia el zugo del capelo:
Mi ho vardado sui libri con passion,
e i m'a risposto: l'è un zughèto belo
sul genere del vostro cotilion.

Una dama te çerca questo e quelo
cavalier, la ghe parla de scondon:
ride la viola e pianse el violonçelo,
tuti se move e nasse confusion....

Ma de solito capita ben questa:
I du più furbi, che conosse el zugo,
arivadi a sto punto de la festa

i se incontra nel giro de la spala,
e, fin che el terso fa da pampalugo,
da brai morosi i se la conta e i bala.

museo berto barbarani www.larenadomila.it

IV

GIULIETA
Che benedete sia le vostre mane
Cosita bone, che me consolè!
A sto mondo no gh'è seda nè lane
che tegna caldo, come vu lo fè.

ROMEO
Quel che adesso disè, dolçe madona,
me mete tuto quanto in confusion...
par cosa mai devo tegnerme in bona
de la vostra zentil benedission?

GIULIETA
L'è che vissin de mi, da la man drita,
Marcheto Guercio el me par ben giassà;
lu, no ghe core sangue par la vita,
par lu l'inverno no'l capisse istà!

L'è che vissin de mi no'l me tien caldo...
lu, no 'l sa dirme un parolin d'amor,
lu, un poeta no l'è del Monte Baldo,
che da la neve cava su el calor.

ROMEO
Che benedeta sia la vostra boca
così fresca, dal bon, che me parlè;
a sto mondo no gh'è neve che fioca,
che tegna fresco, come vu lo fè;

Vu, che m'avì impissà tuto de amor
co le vostre parole in complimento,
se le mie mane pol scaldarve el cor,
tegnivele pur lì, che son contento....

Se le mie mane no ve dà tormento,
tegnìvele pur lì par tante ore....
Mi, no ve posso dir quel che me sento,
ma sarò sempre vostro servidore. 

EL POETA
E l'era par spontar l'Ave Maria,
e sonava la viola e el violonçelo
l'ultimo balo e l'ultima alegria.

GIULIETA
E mi rispondarò, dolçe putelo,
che de qualunque omo o de pitura,
piassè de tuti me parè el più belo
par sentimento grando e par figura.

Bona note, misser! Par la Maria
Vèrgene santa che sta in çima al leto,
mi ve giuro, signor, mi ve prometo,
che me sento piassè vostra che mia!

EL POETA
E l'era par spontar l'Ave Maria,
e sonava la viola e el violonçelo
l'ultimo balo e l'ultima alegria...

Così finisse el zugo del capelo.

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it

NOTTURNO II

NOTTURNO II

LA SCALA E LA LUNA

I

EL POETA
Scala de seda
longa sutila
furba, canaia,
che no se veda,
che no se sfila,
che no se taia,
che se destira
zò dal balcon,
che salta e bala
e gira e gira
come la scala
de la passion...
Ci t'à portado
quà descondon,
Ci t’à fermado?
Mah! a certi trosi
de du morosi,
che no pol più…
me par de moda
lassar che i goda
mai dirghe su!

 museo berto barbarani www.larenadomila.it

II

GIULIETA
Çerte volte, pensando che el mio belo,
cosìta a sera, el fusse qua che el scolta,
meto la testa for dal ponteselo
e se vedo passar qualche putelo,
ghe stago atenta in fina mai che el volta
la testa in suso, ma no l’è mei quelo
che l’altro dì m’à fato rivarensa….

Forsi l’è questo che par strada el viene
co la spada ben ferma a la cintura,
sì che me sento el sangue ne le vene
quasi ingelarse e quasi g’ò paura,
che lu in passando no ‘l me voia bene,
parchè l’amor no l’è cosa sicura
come nu altre pute se se impensa!

ROMEO
O grassiosa pulçela de inocensa,
fior resplendento da le foie fine
che la rosada a so piaser dispensa,
dèghene un poca a ci no pol far sensa
de ricordarse le vostre manine,
par rinfrescar piassè la conossensa
fata in vostra masone, un dì de festa!

GIULIETA
Romeo Montecio, cosa fèo a sta ora
de note, in giro e sensa compagnia?

ROMEO
Vegno a parlar con vu, dolçe signora;
che m’ha ciapado ‘na malinconia
granda, ma fina come udor de fiora,
come el ricordo de una malatia,
e più el me pònse e più ghe penso sora,
più me dispiase de mandarlo via.

GIULIETA
Ma no i v'à dito, no, quante questione
g'à avù le nostre parentade in drio,
che el farse trovar quà da ste persone
ve mete in gran pericolo, amor mio?

ROMEO
No, quando penso a vu sento che done,
come vu no se in trova, parchè Dio
l'à concentrado le so bone assione
nel farve bela e lavorarghe a drio.

GIULIETA
Parla, parla Romeo...

ROMEO
...Parchè mi moro

de la passion più forte, e alora diso:
Elo dunque, Romeo, tempo vegnudo
che te andarè con ela in paradiso?
Boca de fraga, carne de veludo,

picoli basi come un gran de riso,
e la testa pusàda sul sen nudo,
e i oci iluminadi de improviso!...

GIULIETA
Elo dunque, Romeo, tempo vegnudo?

 museo berto barbarani www.larenadomila.it

III

EL POETA
O luna tonda, che nel çiel te giri
sentinela del mondo e de l'amor,
e basi e pianti insieme te respiri
da i to balconi pieni de slusòr,
che te inçercola tuta a giri, a giri;

luna, a quarti o a metà secondo segna
la moda stramba che se usa in çiel,
dopo che in çiel, come el lunario insegna,
i te sassina a colpi de penel,
e naso e oci e boca i te dissegna;

luna de i monti, ciaro de i paesi,
specio de i laghi e de le vale fonde,
stela dei colpi, dove i gati intesi
se sfida a rugolar zò da le gronde
par le gatine de tuti i paesi;

luna de quei che a sorteo par natura
dorme in mèso a le strade o su la paia,
questurina dei ladri a note scura,
rabia dei cani che te guarda e sbaia,
risorsa del pitor che te impitura;

luna, imprèstema a mi tuto el to lume,
la to camisa bianca, el to slusòr,
parchè vesta du osei de le to piume,
du colombini che se fa a l'amor....
e permèteme a mi che fassa lume!

 museo berto barbarani www.larenadomila.it

CAPELETI E MONTECI
(intermèso)

PIERO SERVIDOR
Romeo Montecio, gran missere, atento
de no fermarse soto a sti balconi,
che l'amor pol finir nel tradimento.

E i Capeleti g'à par fina el vento
da la sua, che li serve, e i g’à paroni,
che li seconda ne le so questioni .

EL POETA
Così parlava Piero servidoro,
ma Romeo quasi gnanca lo sentiva,
una sera de Pasqua, tra un tesoro

de gran vestidi recamadi in oro
e i Monteci passava in comitiva
par Castelvecio, con in man l'oliva.

Fermi intanto, drio ai pòrteghi, nei vicoli
sconti, fra el fumo de le torse a vento,
sempre su quela de sfidar pericoli

par rovinar la rassa dei Monticoli,
i Capeleti, in compagnia de çento,
i spetava quei altri a tradimento.

E l'era el giorno de la Pasqua Santa,
che fiorisse sui monti i mandolari
e le putèle de San Zen, le canta:

«Dighe al moroso mio che el se descanta,
che i ani de l'amor jè tanto cari
che no se i compra con mile dinari!»

El primo segno l'è sta un sasso, e dopo
una tempesta de bestemie grande,
e sighi e urli: «te magno, te copo,»

e un rebaltarse de persona in gropo...
Se fermava la gente a far dimande,
e pò i scapava da tute le bande.

Romeo, girava predicando passe:
che i metesse zo i feri, che la sera
de la Pasqua nissuni barufasse,

che i brassi al colo tuti i se butasse,
ma gh'era massa omeni par tera
con la facia più bianca de la cera.

E Tebaldo, parente de Giulieta,
dei Capeleti forsi el più canaia,
co i oci in fiame e co la boca streta,

ne l'ingordisia de sfogar vendeta,
se fa soto a Romeo, ma su la maia
de questo el stil se desponta, no'l taja,

e Tebaldo l’è morto...Atenti, atenti,
de no ‘stigar la gente par le strade,
che çerte volte i òmeni prudenti

in so bravura pol mostrar i denti
e se i mòrde, i dà çerte morsegade,
che lassa el segno de le so casade.

Romeo Montecio, l'è scapà in convento,
ma quei altri j è corsi via sigando
col morto a spale e co le torse a vento,

imbroiando busìe de tradimento,
parchè i Signori che tegnea el comando,
condanasse Romeo, par sempre, in bando.

Figurarse el bordel de quela note,
la confusion par le contrade sconte:
da 'na parte, ci avea ciapà le bote,

da quel'altra Romeo, che vedea rote
tute le so speranse quasi pronte
e el sposalissio con Giulieta a monte.

Ma sul finir de una giornada chieta,
drento el silensio de un confessionario,
Romeo Montecio, l'à sposà Giulieta

sensa tanti fagoti de eticheta,
i s'à dito un bel sì strordinario -
e da quel giorno hà scominçià el Calvario!

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it

NOTTURNO III

NOTTURNO III

L'ORTO DEI CAPELETI (Sul far de l'alba)

I

EL POETA
Un cicì.... qualche foia che se move
soto l'aria che vien da la matina;
un grio, che cria par la rosà che piove
a bagnarghe la casa picolina....

N'altro cicì... una rondena,
che porta bone nove
da cissà mai quala gronda lontana,

el primo botesàr de ‘na campana,
'na finestra che sbate…
un putin che se sveia da la nana
a dimandar del late....

Ah, se capisse, che gh'è tempo ancora
parchè la gente se desmissia fora!

 museo berto barbarani www.larenadomila.it

II

GIULIETA
Amor mio belo, benedeto e santo
come la medaieta che g'ho in sen,
che se ve digo de volerme ben,
l'è parchè ve ne vôi tanto, ma tanto:

marido mio signor, che se ve canto
la nina nana, che el sono ve tien,
pusarèssi la testa su sto sen,
dormiressi a cussì par ci sa quanto...

Marido mio, signor che tuta note
avì pianto con mi, mi che ve porto
tuto el dolor, che se pol dar in dote,

se no volì obligarme de morir
par la paura che i ve voia morto,
fème partir con vu, fème partir!

Cosa volìo che fassa mi, mi sola
persa nel scuro de sta casa granda,
sensa del vostro ben che me consola?
Quando i parenti me farà dimanda:

cosa te crussia mai, cor de me fiola,
che te gh'è tuto, boca mia comanda?
Mi sbassarò la testa su la spola,
e lassarò che la lana se spanda….

Ma in fin de i conti pò, mi penso bene
d'èssar vostra mugiere, e g'ho el dirito
de sentirme ligada a ste cadene;

e g'ho el dovere de vegnèrve a drio
in mèso a i bandi di qualunque sito
che in fin dei conti sì el marido mio! 

Volìo che taia le me tresse bionde
rissolinade? Co sti rissi d'oro
ve filarò un magnifico lavoro
a rose e a onde no so quanto fonde;

e co un vestito vostro, che me sconde
del bel corpo de fèmena el tesoro,
che se più no ve piaso, eco mi moro
de quela gelosia che no risponde,

mi passarò par vostro servidor….
Vu, sarè el me comando, el me pastor,
e mi la vostra pegoreta sana

che ve darà el so late e la so lana,
pur che andemio così, come persone
che çerca passe e signoranse bone!

Un cicì! Qualche foia che se move,
i grii che cria par la rosà che piove,
le ròndene che porta brute nove

da cissà mai quale gronde lontane...
Altri segni, altri boti de campane,
i putei che se sveia da le nane...

Ah se capisse, che anca el mal più fondo
no cambia facia a nissun roba al mondo!

Trema le piante come veci fiachi
dopo una vita tribulada atorno
par afari de soldi o de passion,

e gh'è stele co i ocieti strachi,
e gh'è la luna, che ve dà el bon giorno,
par mostrar la so bona educassion...

Sona in castel la sveia ai militari,
'riva i primi bandoti de i latari,
vèrse i becari e quei che ha coto el pan...

Se sbianchèsa le strade e va contenti
i manuai che sìfola tra i denti,
col cor in passe e la polenta in man! 

museo berto barbarani www.larenadomila.it

CONFESSION E GELOSIA DE GIULIETA
(intermèso)

GIULIETA
Padre Lorenso, no ve posso dire
le lagrime che pianso e se le digo,
le me par tante da dover morire...

Romeo Montecio, el me tien qua in castìgo
si che invesse de torme in compagnia
gò paura che el màseni un intrigo,

sôi mi, una voia de contar busìa...
Così belo che l'è, me morde el bisso,
che qualche dona me lo porta via.

Gh'emo scrito, el savì, de quel novisso
Che i vol darme par sposo e l’è un foresto…
Figurarse che rassa de pastisso!

Ma lu el risponde che l’è ancora presto,
che el farà, el vegnarà, ma quando e come...?
Co sto far, sto vegnèr, màstego agresto.

Padre! Vu, che g'avì quel çerto nome,
se fa filtri e magie, con erbe e fiori,
bei da vardarse e perfidi de aròme,

dème un velen che stòfega i dolori,
se no volì che pensa de coparme
parchè el me corpo no vol altri amori
e da novo, par forsa maridarme!

EL FRATE
Quel che adesso disè, sposa noèla,
me fa pensar su 'na combinassion
de çerte erbe de Val Polesela,
che fa miracolosa operassion!

Quando el sarà che vegnaremo a quela,
bevì presto sta ampòla e pò dormì...
Quel che sucedarà santa putèla,
gnente paura, che ghe penso mi...

Vu morirè così, ma de una morte
quasi improvisa, che la ingana el cor,
risussitando piassè bela e forte,
come ha fato Gesù nostro Signor;

risussitando par Romeo, che intanto
qualcheduno dei nostri avisarà
de vegnèrve a tor su dal camposanto,
dove sti frati ve sepelirà,

de vegnèr quà de note, co i cavai
bei e bardadi e pronti par partir,
galopando lontan che fina mai
via da sti loghi, fati par morir.

GIULIETA
La vostra ampòla mi no la refùdo,
ansi la trovo dòlsa come el miel,
e quando che Romeo l'arà savudo,
come Giulieta gh'è restà fedel,
tanti basi in compenso el ghe darà...

EL POETA
Ma purtropo se sa,
che tuto quanto dopo è sucedudo,
l’è sta un congegno de fatalità! 

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it

NOTTURNO IV

NOTTURNO IV

Parte I

SOGNO DEL ROSMARIN

EL POETA
Eco un convento
chieto e contento,
tuto piere da morto e poesia,
dove la luna, caminando via,
ghe fioca drento!

Fra çento pari de colonete
bianche, la luna furba se mete
co la so facia tirada a fil,

col so vestito taiado a fete,
a seconda, che l'ombra ghe permete,
del campanil.

EL POETA (seintàndo)
O colonete, sutile, sutile
come un brasso de dona ben tornìo,
fiole de un arte nata sensa bile,
che parì ferme e pur ve corì drio;

che si tute così, come una festa
de moneghine, che no pensa a gnente,
col vostro mato capitel in testa,
tuto compagno e sempre difarente,

no savìo dirme de no, bele signore,
come Giulieta l'à passà ste ore?

Le colonine me risponde alora:
Fè a pian, fè a pian, parchè la dorme ancora!

GIULIETA
Romeo Montecio, cosa fèo quà atorno
solo e avilì da la malinconia?
I gali canta, che a momenti è giorno
e ve par che sia apena Ave Maria...!?

Ah, no volì andar via,
parchè ve piase de starme vissin…
Tolì, tolì par vostra compagnia,
tolì sta rama del me rosmarin!

Romeo Montecio, v'ho visto a cavalo
de una bianca cavala e a porta, a porta,
vu dimandavi se mi fusse morta
e tuti quanti rispondea de si...

Pò tornavi a saltar svelto a cavalo
de la stessa cavala e, a porta a porta,
sempre sperando che no fusse morta,
vu seguitavi a galopar così!

Bati, bati! Ci gh'è - Ci gh'è che bate?
-J è forestieri de forestaria...
Ah, bison èssar bele teste mate,
par fermarse de note a casa mia...

E no i vol più andar via,
parchè ghe piase de starme vissin...

Tolì, tolì par vostra garansia,
tolì sta rama del me rosmarin!

Romeo Montecio, v'ho visto in zenocio,
soto un ciaro de luna in camposanto,
e me ricordo, che piansevi tanto,
cosita tanto come pianso mi...

Pò tornavi a cascàr sempre in zenocio,
samrtelando le piere in camposanto,
e me ricordo che piansevi tanto,
e seguitavi a smartelar così!

Ecote el giorno a un tiro de balestra,
e ancora i bate a la porta de strada...

Gh'è Romeo che vien su da la finestra,
che son quà mèsa nuda e tribulada...

Ah. fè la gran matada,
parchè ve piase de starme vissin....

Tolì, tolì da infiorarve la spada,
tolì sta rama del me rosmarin!...

 museo berto barbarani www.larenadomila.it

CAVALCATA DE ROMEO (Intermeso)

Col tempo in moto e el vento in tramontana,
piena la testa de bruti pensieri,
saltando fossi, par trovar sentieri,
che ghe scurta la strada mantovana...

Pur de far presto e guadagnar 'na spana
de strada al tempo, se anca muci intieri

de sassi o giara, in volta se spampàna,
soto el pestar de la cavala sana,

de pelo bianco co i macioni neri...

Pur de far presto a sbusar via le sèse,
smarassando le cioche coi pulsini
e le putèle in mèso a le vanèse...

Scavessando le rame,
spaventando le mame,
che ciapa in brasso tuti i so putìni,

Romeo Montecio galopando va
de paese in paese,
verso le tore de la so çità!

E l'era par sonar l'ave Maria
e tornava le pegore a la stala
carghe de lana e de malinconia!

Ma lu, pensando a quela çerta scala,
a quei ultimi basi a fior de nio,
a quei presentimenti che no fala,

el sigava a le done: Avìo sentìo,
che sia morta a Verona una putela,
piassè bela de tute, anca de Dio?

E le done diseva: Paron mio,
se fusse vera che l'è morta èla,
fèmo orassion parchè la torna indrio...

E Romeo rispondea: Nissun difeto
la g'avea, nè vissio, nè busìa;
l'era inocente come un puteleto,

e l'è morta così, par el dispeto
che no l'ò tolta insieme in compagnia;
mi son sta quel birbante maledeto!

-E l'era par sonar l'Ave Maria,
e scominçiava le prime orassione,
quando ariva un corier de tuta bria...

«Done, piansì, che è morto Giulia, done...
E stamatina i l'ha portada via
co no so quante a drio mila persone
e tuti i frati de la fratarìa;

Metì lumini inante a le madone
e che i poareti desfamadi i sia;
cantè Giulieta in mèso a le cansòne
de la vostra zentìl malinconia....

«Done, piansì che è morto Giulia, done! »

Così, sicuro de la gran disgrassia,
palido in facia e desparà dal mal,

co i speroni piantà con mala grassia,
drento a la pansa del so bel caval;

col cor distruto, col çervel de fogo,
pronto a la morte e risoludo a tuto,

Romeo Montecio, galopando va
del logo in logo,
verso le tore de la so çità!

 museo berto barbarani www.larenadomila.it

Parte II
MORTE DE GIULIETA E ROMEO

EL POETA
O colonete sutile, sutile,
come cresse el dolor de sta fameia?
Gh’è qua atorno Romeo, bianco de bile
e Giulieta l’è a drio che la se sveia…

O poeta zentil, stè indrio dal muro,
che in sto momento no ghe vol sussuro!

E quando s’è rivadi a la so ora,
dai camposanti, no se vien più fora!...

GIULIETA
Qual bom vento v’à dito, vita mia,
la strada giusta de arivar qua drento,
che la più granda e perfida angonia
tuto de colpo s’à voltà in portento?

Dunque, quei del convento
ve l’à fata capir la me busìa…

Sì vegnù come el vento,
no badando più a gnente,
par sentarve qua arente
par poder starme sta note vissin…!?

Sntì, sentì fin che ghe l’ò in la mente,
sentì che sogno del me Rosmarin!

ROMEO
…E l’era par sonar l’Ave Maria
e scominçiava le prime orassione,
quando ariva un corier de tuta bria...
«Done, piansì, che è morto Giulia, done!»

La me sposa, el me angelo, el me ben…
Vu s’eri morta a tute le persone,
vu s’eri morta e mi ho tolto el velen!

EL POETA
Così parlava Romeo spasimando
tra i brassi Giulieta in baticor,
e verti i oci e la boca basando
col velen che mordea da traditor,

a poco a poco el se andava smorsando…

GIULIETA (sul morente Romeo)
Marido mio, Signor de la me vita,
cor de la vostra anima gemela,
che sì stado par mi la cara stela,
che a i marinari dà la strada drita;

che sì sta la me gioia pressiosa,
la me forsa, el me sangue e sì el me Dio,
cosa g’avìo, Signor, cosa g’avìo,
che i vostri oci no me varda più?

O colonine, bele bianche e tonde:
«Gesù Maria,Gesù»
Cosa g’à l’mor mio che no’l risponde?

EL POETA
Le colonine ghe fa segno alora:
«Parlè più forte, che l’è vivo ancora!»

GIULIETA
Romeo, Romeo, che sora tuti adoro,
come el santo pastor de i me pensieri:
vu el più forte che sì, de i cavalieri,
con su la testa un çercolo de oro

e una spada tremenda a la çintura
e do ale de argento su le spale...
Cosa g'àle, Signor, Dio cosa g'àle
le vostre recie, che no ‘scolta più?

O colonine, bele bianche e tonde,
«Gesù, Maria, Gesù! »
Cosa g'à sto Romeo, che no'l risponde?

EL POETA
Le colonine ghe ripete alora:
«Ciamè più forte, che l'è vivo ancora! »

GIULIETA
Romeo, Romeo, Romeo, che una parola
Vostra savea de fiori e da caresse,
la più granda, par mi, de le belesse,
tante belesse in te una volta sola,

no ve move a pietà sta pora fiola,
che ve spàsema a morte su la spala?

Cosa g'ala Signor, Dio, cosa g'ala,
la vostra boca che no parla più!?

O colonine che el convento gira
«Gesù, Maria, Gesù!
Dove laberga el velen, bate la morte! »

museo berto barbarani www.larenadomila.it

EL POETA
La campana del convento,
col batocolo par aria,
mèsa fora e mèsa drento
de la lòsa campanaria....

Drin, drin, drin!

Tuta lustra e tuta brava,
col fratin che la tirava
co' 'na forsa straordinaria,
la sonava matutin...

Nel convento scuro, scuro
sensa luna sensa stele,
se vedea speciarse al muro
i lumeti de le cele...

Drin drin drin....

J'era ombrìe che se segneva,
j'era i frati pregava
co 'na calma straordinaria
la Madona e el so bambin….!

GIULIETA
Frati, basta pregar, che g'ò el delirio,

anime sante, stè lontan da mi…
Ve podìo imaginar pèzo martirio
de sto Romeo, che me va via così

proprio qua soto i oci e in quel momento,
che via al sicuro se doea scapàr,
col santo aiuto de sto bon convento,
che m’à volesto far risussitar?

E pensè che mi viva? Ve rispondo
che i m'ha tolto par morta e morta resto;

l'amor mio m’à lassà vedova al mondo,
poro el me amor, finido così presto...!

Poro sto amor, che apena nato, in cuna,
tuta la gente la me l’à tradì...
Ah, sta comedia, no g'avù fortuna,
speta, Romeo, che vegno via anca mi!

EL POETA
E Giulieta butandose destesa
sul corpo del marì, sensa sospiro,
boca con boca l’è restada lì….

E gh'era i frati che cantava in ciesa
e se sentiva andar le guardie in giro…
Romeo e Giulieta i è morti così !

museo berto barbarani www.larenadomila.it

EL POETA

Un cicì....

Passa par aria nuvole de lana
che se alsa e se sbassa e che s'incrosa…
Pò, le se cambia in nuvole de rosa
soto i colpi de vento, che le ingana
e le spampàna, più lontan che el pol...

Tase le rane nel paltàn del fosso,
parchè se senta cantar meio el galo;
passa par aria nuvole de gialo,
che le se cambia in nuvole de rosso

e in mèso ai monti dove le se perde,
a poco, a poco, se desmissia el verde.

E i boschi verdi cunadi dal vento,
squassa le çime par dar aria al logo....
Fuma dai monti nuvole de argento,
brusa par aria nuvole de fogo,

e ne la vale dove el vento tase
se vede el bianco de le prime case...

Fuma i camini e fuma monti, fuma
la rosada slusenta in mèso ai prà....

Ah, se capisse, che anca questa quà
l'è una note che passa, e se consuma

nel precipissio de l'eternità!

Dopo, con çerte sciabole
de fogo vivo, tute sguissi e lampi,
che te passa davanti come un fulmine,
che te orba e te ilumina

i monti a quarti e a mile a mile i campi;

che te sveia le ròndene,
che mòla al vento el pèto bianco a sgol.
che te sveja le fèmene
che buta a l'aria l'ultimo ninsol...

Fra el benedir de le creature sane,
fra el maledir de le miserie umane,
fra el saludar de tute le campane….

Eco el giorno, eco el sol!

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it


GIULIETA E ROMEO - VERSION 1905

VERONA preludio

(Preludio)

VERONA

EL POETA
Vorìa cantar Verona, a una çerta ora
de note, quando monta su la luna:
quando i òmeni dorme e el par che i cora
drento barche de sogni a far fortuna

drio a l'aqua de l'Àdese che va
in çerca de paesi e de çità.

E alora che è finì tuto el sussuro
speciarla zò ne l'Àdese, dai ponti
e comodarla mi, muro par muro,
tuta forte nel çercolo dei monti...

E in dove che è piantà Castel San Piero,
su le rovine del teatro antico,
védar levarse su come de fero
tuto intiero el castel de Teodorico,

e imaginarme rampegada a dosso
'na Verona cambià nei so colori,
tore e muralie del quarel più rosso,
case dipinte e ponti levadori,

che se specia ne l'Àdese che va
in çerca de paesi e de çità.

Così messa la scena, eco, vorìa
castigàr la çità de quela gente
che, par odio o passion de signoria,
sempre in barufa par 'n'afar de gnente,

drio ai pilastri dei porteghi, nei vicoli
sconti, tra el fumo de le torse a vento,
sempre su quela de sfidar pericoli,
a tre, a quatro, a compagnie de çento

i se spetava par saltarse adosso,
pronti a la spada, ma al cortel più pronti,
pur che se veda córar sangue rosso,
pur che se senta tombolar da i ponti

qualche morto ne l'Àdese che va
in çerca de paesi e de çità!....

Così messa la scena, eco, vorìa
portarve soto a una finestra granda,
tuta saor de vecia poësia,
a colonete che se racomanda

museo berto barbarani www.larenadomila.it

a quei che passa, che no i volta via
sensa vardarla, sensa far dimanda
de qual vecia casada, eco, la sia,
ci sia mai quel paron che la comanda.

Da là drento Giulieta discorea
con Romeo, col so dio, col so signor;
e l'era tanto el ben che i se volea
che no gh'è omo, no gh'è pianta o fior,

no gh'è mar, no gh'è Àdese che va
in çerca de paesi e de çità

che possa dirlo! - O storia de morosi
capitada fin quà a traverso i soni
che tanti inverni, quando ch'era sposi
i papà de i papà de i nostri noni;

o ciese grande da le porte verte
lavorade de rissi e de figura,
o madonete piturade e inçerte
fra un San Bernardo e un San Bonaventura;

o mercanti de lane, o piere sante,
fate de un marmo che trà fora el griso,
de le miserie de avì visto tante
ma el vostro muso l'è restà preciso;

tanto de rughe el tempo v'à segnado
tanto de rughe el tempo v'à lustrà,
e l'Àdese in passando v'à basado
e l'Àdese rompendo v'à lavà....

Po’ l'è tornado a posto, el s'à insognado
altri ponti, altre case, altre çità!...

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it

NOTE PRIMA

NOTE PRIMA

I

EL POETA
Quante lanterne in casa Capeleti!
Màscare, in gamba, se andè su a balar...
Ci lassa a casa veci e puteleti
con pute bele podarà zugàr:

Àdese e mar!
I Venessiani gode i so spasseti
e i Veronesi el Vendri Gnocolàr.

Giulieta bela, vestida de bianco,
con uno solo la vorìa parlàr;
se çento pagi ghe se strense al fianco,
in credento de farla inamoràr,

come contàr
che lori i speta, e quando i crede manco
qualchedun altri li farà scapàr?

Romeo Montecio, un cavalier pulito,
de i Monteci el più giovine e el più sior,
eco, el vien drento col so passo ardito
e una rama de verde in çima al cor...

Oh che slusor!
L'inamorà se ‘l vede dal vestito
e la morosa dal cambiar color.

Ma Giulieta, che aveva ben conossudo
l'omo che el çiel g'aveva in zò mandà,
la ghe dà çerte ociade de veludo,
che quasi ghe parèa de far pecà....

E nissuni lo sa
se tuto quel che dopo è sucedudo
l'è sta colpa del caso o volontà.

museo berto barbarani www.larenadomila.it

II

Marcheto Guercio, in meso a tanta gente,
bufon de corte e sbafador de valia,
sempre drio a pensar mal, sempre in batalia
de andar a feste sensa spendar gnente,

Marcheto Guercio, el s'era messo arente
a Madona Giulieta e a la so balia
e de scherseti el ghe fasea regalia
e de ociadine el ghe fasea presente.

Solo el g'aveva un ridicolo difeto;
che le so mane, nel tocarle a pena,
le pareva ingiassè come el sorbeto,

sia che el fusse de inverno o pur de istà,
a pansa uda o co la pansa piena,
a casa, a spasso, in cièsa o in società!

museo berto barbarani www.larenadomila.it

III

Così scominçia el zugo del capelo:
Mi ho vardado sui libri con passion,
e i m'a risposto: l'è un zughèto belo
sul genere del vostro cotilion.

Una dama te çerca questo e quelo
cavalier, la ghe parla de scondon:
ride la viola e pianse el violonçelo,
tuti se move e nasse confusion....

Ma de solito capita ben questa:
I du più furbi, che conosse el zugo,
arivadi a sto punto de la festa

i se incontra nel giro de la spala,
e, fin che el terzo fa da pampalugo,
da brai morosi i se la conta e i bala.

museo berto barbarani www.larenadomila.it

IV

GIULIETA
Che benedete sia le vostre mane
cosita calde, che me consolè!
A sto mondo no gh'è seda nè lane
che tegna caldo, come vu lo fè.

ROMEO
Quel che adesso disè, dolçe madona,
me mete tuto quanto in confusion...
par cosa mai devo tegnerme in bona
de la vostra zentil benedission?

GIULIETA
L'è che vissin de mi, da la man drita,
Marcheto Guercio el me par ben giassà;
lu, no ghe core sangue par la vita,
par lu l'inverno no'l capisse istà!

L'è che vissin de mi no'l me tien caldo...
lu, no 'l sa dirme un parolin d'amor,
lu, un poeta no l'è del Monte Baldo,
che da la neve cava su el calor.

ROMEO
Che benedeta sia la vostra boca
così fresca, dal bon, che me parlè;
a sto mondo no gh'è neve che fioca,
che tegna fresco, come vu lo fè;

Vu, che m'avì impissà tuto de amor
co le vostre parole in complimento,
se le mie mane pol scaldarve el cor,
tegnivele pur lì, che son contento....

Se le mie mane no ve dà tormento,
tegnìvele pur lì par tante ore....
Mi, no ve posso dir quel che me sento,
ma sarò sempre vostro servidore. 

EL POETA
E l'era par spontar l'Ave Maria,
e sonava la viola e el violonçelo
l'ultimo balo e l'ultima alegria.

GIULIETA
E mi rispondarò, dolçe putelo,
che de qualunque omo o de pitura,
piassè de tuti me parè el più belo
par sentimento grando e par figura.

Bona note, misser! Par la Maria
Vergine santa che sta in çima al leto,
mi ve giuro, signor, mi ve prometo,
che me sento piassè vostra che mia!

EL POETA
E l'era par spontar l'Ave Maria,
e sonava la viola e el violonçelo
l'ultimo balo e l'ultima alegria...

Così finisse el zugo del capelo. 

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it

NOTE SECONDA

NOTE SECONDA

I

EL POETA
Scala de seda
longa sutila
furba, canaia,
che no se veda,
che no se sfila,
che no se taia,
che se destira
zò dal balcon,
che salta e bala
e gira e gira
come la scala
de la passion...
Ci t'à portado
quà descondon,
ci t'à ligado?
Mah! a certi trosi
de du morosi,
a çiel seren,
me par de moda
lassar che i goda
tuto el so ben!

museo berto barbarani www.larenadomila.it

II

GIULIETA
Romeo Montecio, cosa fèo a sta ora
de note, in giro e sensa compagnia?

ROMEO
Vegno a parlar con vu, dolçe signora;
che m'à ciapado 'na malinconia
granda, ma fina come udor de fiora,
come el ricordo de una malatia,
e più el me ponse e più ghe penso sora
più me dispiase de mandarlo via.

GIULIETA
Ma no i v'à dito, no, quante questione
g'à avù le nostre parentade indrio,
che el farse trovar quà da ste persone
ve mete in gran pericolo, amor mio?

ROMEO
No, quando penso a vu, sento che done
come vu no se 'n trova, parchè Dio
l'à concentrado le so bone assione
nel farve bela e lavorarve a drio.

GIULIETA
Parla, parla Romeo...

ROMEO
...Parchè mi vedo
che una finestra sèra el me tesoro,
e rido e pianso, e a la Madona credo
e con vu da par mi sempre discoro;
El vin che bevo, me va in tanto asèdo,
el pan che magno, no 'l me dà ristoro
e me sento nel cor come un gran fredo...

GIULIETA
Parla, parla Romeo...

ROMEO
...Parchè mi moro

de la passion più forte, e alora diso:
Elo dunque, Romeo, tempo vegnudo
che te andarè con ela in paradiso?
Boca de fraga, carne de veludo,

basi minudi come un gran de riso,
e la testa pusàda sul sen nudo,
e i oci iluminadi de improviso!...

GIULIETA
Elo dunque, Romeo, tempo vegnudo? 

museo berto barbarani www.larenadomila.it

III

EL POETA
O luna tonda, che nel çiel te giri
sentinela del mondo e de l'amor,
e basi e pianti insieme te respiri
da i to balconi pieni de slusòr,
che te inçercola tuta a giri, a giri;

luna, a quarti o a metà secondo segna
la moda stramba che se usa in çiel,
dopo che in çiel, come el lunario insegna,
i te sassina a colpi de penel,
e naso e oci e boca i te dissegna;

luna dei monti, ciaro de i paesi,
specio de i laghi e de le vale fonde,
stela dei copi, dove i gati intesi
se sfida a rugolar zò da le gronde
par le gatine de tuti i paesi;

luna de quei che a sorte o par natura
dorme in mèso a le strade o su la paia,
questurina dei ladri a note scura,
rabia dei cani che te guarda e sbaia,
risorsa del pitor che te impitura;

luna, imprèsteme a mi tuto el to lume,
la to camisa bianca, el to slusòr,
parchè vesta du osei de le to piume,
du colombini che se fa a l'amor....
e permèteme a mi che fassa lume!

museo berto barbarani www.larenadomila.it

CAPELETI E MONTECI
(intermèso)

PIERO SERVIDOR
Romeo Montecio, bon missere, atento
de no fermarse soto a sti balconi,
che l'amor pol finir nel tradimento.

E i Capeleti g'à parfina el vento
da la sua, che li serve, e i gà paroni,
che li contenta ne le so questioni .

EL POETA
Così parlava Piero servidoro,
ma Romeo quasi gnanca lo sentiva,
una sera de Pasqua, tra un lavoro

de gran vestidi recamadi in oro
e i Monteci passava in comitiva
par Castelvecio, con in man l'oliva.

Fermi intanto, drio ai pòrteghi, nei vicoli
sconti, fra el fumo de le torse a vento,
sempre su quela de sfidar pericoli

par rovinar la rassa dei Monticoli,
i Capeleti, in compagnia de çento,
i spetava quei altri a tradimento.

E l'era el giorno de la Pasqua Santa,
che fiorisse sui monti i mandolari
e le putèle de San Zen, le canta:

«Dighe al moroso mio che el se descanta,
che i ani de l'amor iè tanto cari
che no se i compra con mile dinari!»

El primo segno l'è sta un sasso, e dopo
una tempesta de bestemie grande,
e sighi e urli: «te magno, te copo,»

e un rebaltarse de persona in gropo...
Se fermava la gente a far dimande,
e pò i scapava da tute le bande.

Romeo, girava predicando passe:
che i metesse zo i feri, che la sera
de la Pasqua nissuni barufasse,

che i brassi al colo tuti i se butasse,
ma gh'era massa omeni par tera
con la facia più bianca de la cera.

E Tebaldo, parente de Giulieta,
dei Capeleti forsi el più canaia,
co i oci in fora e co la boca streta,

ne l'ingordisia de sfogar vendeta,
se fa soto a Romeo, ma su la maia
de questo el stil, se desponta, no'l taja,

e Tebaldo va in tera...!Atenti, atenti
de no stigar la gente par le strade,
che çerte volte i òmeni prudenti,

in so bravura pol mostrar i denti
e se i mòrsega, i dà çerte dentade
che lassa el segno de le so casade.

Romeo Montecio, l'è scapà in convento,
ma quei altri iè corsi via sigando
col morto in spala e co le torse a vento,

imbroiando busìe de tradimento,
parchè i signori che tegnea el comando,
condanasse Romeo, par sempre, in bando.

Figurarse el bordel de quela note,
la confusion par le contrade sconte:
da 'na parte, ci avea ciapà le bote,

da quel'altra Romeo, che vedea rote
tute le so speranse quasi pronte
e el sposalissio con Giulieta a monte.

Ma sul finir de una giornada chieta,
drento ai misteri de un confessionario,
Romeo Montecio, l'à sposà Giulieta

sensa tante questione de eticheta,
e s'à dito un bel si strordinario -
e da quel giorno hà scominçià el Calvario.

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it

NOTE TERZA

NOTE TERZA

I

EL POETA
Un cicì.... qualche foia che se move
soto l'aria che vien da la matina;
un grio, che gria par la rosà che piove
a bagnarghe la casa picolina....

N'altro cicì... una rondena,
che porta bone nove
da cissà mai quala gronda lontana,

el primo botesàr de una campana,
'na finestra che sbate,
un putin che se sveia da la nana
a dimandar del late....

Ah se capisse, che gh'è tempo ancora
parchè la gente se desmissia fora!

museo berto barbarani www.larenadomila.it

II

GIULIETA
Amor mio belo, benedeto e santo
come la medaieta che g'ho in sen,
che se ve digo de volerme ben,
l'è parchè ve ne vôi tantovôi tanto, ma tanto...

Marido mio signor, che se ve canto
la nina nana, che el sono ve tien,
pusarèssi la testa su sto sen,
dormiressi a cussì par ci sa quanto...

Marido mio signor, che tuta note
avì pianto con mi, mi che ve porto
tuto el dolor, che se pol dar in dote,

se no volì obligarme de morir
par la paura che i ve voia morto,
fème partir con vu, fème partir!

museo berto barbarani www.larenadomila.it

III

Cosa volìo che fassa mi, mi sola
persa nel scuro de sta casa granda,
sensa del vostro ben che me consola?
Quando i parenti me farà dimanda:

cosa te crussia mai, cor de me fiola,
che te gh'è tuto, boca mia comanda?
Mi sbassarò la testa su la spola,
e lassarò che la lana se spanda.

Ma in fin de i conti pò, mi penso bene
d'èssar vostra mugiere, e g'ho el dirito
de sentirme ligada a ste cadene,

e g'ho el dovere de vegnèrve a drio
in mèso a i bandi di qualunqua sito
che in fin dei conti sì el marido mio!

museo berto barbarani www.larenadomila.it

IV
Volìo che taia le me tresse bionde
rissolinade? Co sti rissi d'oro
ve filarò un magnifico lavoro
a rose e a onde no so quanto fonde;

e co un vestito vostro, che me sconde
del bel corpo de fèmena el tesoro,
che se più no ve piaso, eco mi moro
de quela gelosia che no risponde,

mi passarò par vostro servidor;
vu, sarè el me comando, el me pastor,
e mi la vostra pegoreta sana,

che ve darà el so late e la so lana,
pur che andemio così, come persone
che çerca passe o padronanse bone!

museo berto barbarani www.larenadomila.it

V

EL POETA
La scala a corda
dindola e trema
soto el convulso
de tanto amor...

Romeo Montecio
urla e bastiema,
contro la lege
del so signor.

Così i se lassa,
co un altro baso,
l'ultimo forsi,
grando così....

quel che i s'à dito
dopo, lo taso,
parchè a momenti
pianso anca mi!

Un cicì....

Gira par aria nuvole de lana
che se alsa, se sbassa e che s'incrosa;
pò, le se cambia in nuvole de rosa
soto i colpi de vento, che le ingana

e le spampàna - più lontan che el pol...

Tase le rane nel paltàn del fosso,
parchè se senta cantar meio el galo;
passa par aria nuvole de gialo,
che le se cambia in nuvole de rosso

e in mèso ai monti dove le se perde,
a poco, a poco, se desmissia el verde.

E i boschi verdi cunadi dal vento
squassa le çime par dar aria al logo....
Fuma dai monti nuvole de argento,
brusa par aria nuvole de fogo,

e ne la vale dove el vento tase
se vede el bianco de le prime case...

Fuma i camini e fuma monti, fuma
la rosada slusenta in mèso ai prà....

Ah, se capisse, che anca questa quà
l'è una note che passa, e se consuma

nel precipissio de l'eternità!

Dopo, con çerte sciabole
de fogo vivo, tute sguissi e lampi,
che te passa davanti come un fulmine,
che te orba e te ilumina
i monti a quarti e a mile a mile i campi;

che te sveia le ròndene
(che mòla al vento, el pèto bianco a sgol)
che te sveja le fèmene
che buta a l'aria l'ultimo ninsol...

Fra el benedir de le creature sane,
fra el maledir de le miserie umane,
fra el saludar de tute le campane

Eco el giorno, eco el sol.

museo berto barbarani www.larenadomila.it

CONFESSION DE GIULIETA
(intermèso)

GIULIETA
Padre Lorenso, no ve posso dir
le lagrime che pianso e no le conto,
parchè iè tante da dover morir...

Romeo Montecio, me scriveva a ponto
de tòrme suso in bona compagnia
ma speta speta, se ghe sente sconto

come una voia de contar busìa...
Così belo che l'è, mi, g'ho sospeti
che qualche dona me lo porta via.

Gh'emo scrito, el savì, che i Capeleti
vol darme sposa a un'altra creatura,
par rovinarme ne i nostri progeti,

ma lu el risponde de no aver paura,
che el farà, el vegnarà, ma quando e come...?
Co sto far, sto vegnèr, la me sà dura

Padre! Vu, che g'avì quel çerto nome
da far filtri e magie, con erbe fiori,
bei da vedèrse e cativi e aròme,

dème un velen che stòfega i dolori,
se no volì che diga de coparme
parchè el me corpo no vol altri amori
e no vôi n'altra volta maridarme.

EL FRATE
Quel che adesso disè, cara putèla,
me fa pensar su 'na combinassion
de çerte erbe de Val Polesela,
che fa miracolosa operassion!

Quando che sponta quela data stela,
bevì presto sta ampòla e pò dormì...
Quel che sucedarà santa putèla,
gnente paura, che ghe penso mi...

Vu morirè così, ma de una morte
quasi improvisa, che la ingana el cor,
risussitando piassè bela e forte,
come ha fato Gesù nostro Signor,

risussitando par Romeo, che intanto
qualcheduno dei nostri avisarà
de vegnèrve a tor su dal camposanto,
dove i me frati ve sepelirà,

de vegnèr quà de note co i cavai
bei e bardadi e freschi par partir,
galopando lontan che infina mai,
via da sti loghi fati par morir.

Ma se drento a i misteri de ste cese,
fra le piere de i morti e ancora caldo,
(che da sta Pasqua no è passà che un mese)
ve catarè col corpo de Tebaldo,

se qualche vermo ve dirà sul viso
dove che va a finir la vanità?

GIULIETA
Padre, mi penso sempre al paradiso
e a i tanti basi che Romeo m'à dà!

La vostra ampòla mi no refùdo,
ansi la trovo dòlsa come el miel,
e quando che Romeo l'arà savudo,
come Giulieta gh'è restà fedel,

tanti basi in compenso el ghe darà...

EL POETA
E la storia l'è sta,
che quando manco s'avarìa creduo,
ècote pronte la fatalità!....

museo berto barbarani www.larenadomila.it

CAVALCATA DE ROMEO

Col tempo in moto e el vento in tramontana,
piena la testa de bruti pensieri,
saltando fossi, par trovar sentieri,
che ghe scurta la strada mantovana...

pur de far presto e guadagnar 'na spana
de strada al tempo, se anca monti intieri
de sassi o giara, in volta se spampàna,
soto el pestar de la cavala sana,

de pelo bianco co i macioni neri...

Pur de far presto a sbusar via le sèse,
disturbando le cioche coi pulsini
e le putèle in mèso a le vanèse...

scavessando le rame,
spaventando le mame,
che ciapa in brasso tuti i so putìni,

Romeo Montecio galopando va
de paese in paese,
verso le tore de la so çità!

-E l'era par sonar l'ave Maria
e tornava le pegore a la stala
carghe de lana e de malinconia!

Ma lu, pensando a quela çerta scala,
a quei ultimi basi a fior de nio,
a quei presentimenti che no fala,

el sigava a le done: Avìo sentìo,
che sia morta a Verona una putela
piassè bela de tute, anca de Dio?

E le done diseva: Paron mio,
se fusse vera che l'è morta èla,
fèmo orassion parchè la torna indrio...

E Romeo rispondea: Nissun difeto
la g'avea, nè vissio, nè busìa;
l'era inocente come un puteleto,

e l'è morta così, par el dispeto
che no l'ò tolta insieme in compagnia;
mi son sta quel birbante maledeto.

-E l'era par sonar l'Avemaria,
e scominçiava le prime orassione,
quando ariva un corier de tuta bria...

«Done, piansì, che è morto Giulia, done...
e stamatina i l'ha portada via
co no so quante a drio mila persone
e tuti i frati de la fratarìa;

Metì lumini inante a le madone
e che i poareti desfamadi sia;
cantè Giulieta in mèso a le cansòne
de la vostra zentìl malinconia....

Done, piansì che è morto Giulia, done!

Così, sicuro de la gran disgrassia,
palido in facia e desparà dal mal,
co i speroni piantà con mala grassia,
drento a la pansa del so bel caval,

col cor distruto, col çervel de fogo,
pronto a la morte e risoludo a tuto,

Romeo Montecio, galopando va
del logo in logo,
verso le tore de la so çità! 

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it

NOTE QUARTA

NOTE QUARTA

Eco un convento
chieto e contento,
tuto piere da morto e poesia,
dove la luna, caminando via,
ghe fioca drento.

Fra çento pari de colonete
bianche, la luna se mete

co la so facia tirada a fil,
col so vestito taiado a fete,
a secondo che l'ombra ghe permete,
del campanil.

O colonete, sutile, sutile
come un brasso de dona ben tornìo,
fiole de un arte nata sensa bile,
che parì ferme e pur ve corì a drio;

che si tute così, come una festa
de moneghine, che no pensa a gnente,
col vostro mato capitel in testa,
sempre compagno e sempre difarente...

No savìo dirme de no, bele signore,
come Giulieta l'à passà ste ore?

Le colonine me risponde alora:
Fè a pian, fè a pian, parchè la dorme ancora!

museo berto barbarani www.larenadomila.it

SOGNO DEL ROSMARIN

GIULIETA
Romeo Montecio, cosa fèo quà atorno
solo e avilì da la malinconia?
I gali canta, che a momenti è giorno
e ve par che sia apena avemaria...

Ah, no volì andar via,
parchè ve piase de starme vissin?
Tolì, tolì par vostra compagnia,
tolì sta rama del me rosmarin!

Romeo Montecio, v'ho visto a cavalo
de una bianca cavala e a porta, a porta,
vu dimandavi se mi fusse morta
e tuti quanti rispondea de si...

Pò tornavi a saltar svelto a cavalo
de la stessa cavala e a porta, a porta,
sempre sperando che no fusse morta,
vu seguitavi a caminar così!

Bati, bati! Ci gh'è - Ci gh'è che bate?
-J è forestieri de forestaria...
Ah, bison èssar bele teste mate,
par fermarse de note a casa mia...

e no i vol più andar via,
parchè ghe piase de starme vissin...
Tolì, tolì par vostra garansia,
tolì sta rama del me rosmarin!

Romeo Montecio, v'ho visto in zenocio,
soto un ciaro de luna in camposanto,
e me ricordo, che piansevi tanto,
cosita tanto come pianso mi...

Pò tornavi a cascàr sempre in zenocio,
smartelando le piere in camposanto,
e me ricordo, che piansevi tanto
e seguitavi a smartelar così!

Ecote el giorno a un tiro de balestra,
e ancora i bate a la porta de strada...
Gh'è Romeo che vien su da la finestra,
che son quà mèsa nuda e tribulada...

Ah. fè la gran matada,
parchè ve piase de starme vissin....
Tolì, tolì da infiorarve la spada,
tolì sta rama del me rosmarin!...

museo berto barbarani www.larenadomila.it

I

EL POETA
Così parlava Giulieta, sognando,
tra i brassi de Romeo, che la strensea;
ma verti i oci e me mane strucando,
quele mane che tanto ghe piasea
la s'ha messo in senton così sigando:

GIULIETA
Qual bon vento v'ha dito, vita mia,
la strada giusta de arivar più presto,
prima che i frati me scondesse via,

Ah, volevi far questo,
par poder starme una note vissin?
Tolì, tolì, za che l'avì volesto,
tolì sta rama del me rosmarìn!...

Tolì sti basi, che la vostra sposa
par tanto tempo, v'ha tegnù a digiuno,
e mi ve giuro che nissuna cosa
m'ha fato si che de perdesse uno;

basè sta boca che mai no ve cria,
vardè sti brassi che ve strense al sen.... 

ROMEO
Giulia, anima santa, vita mia,
Vu s'eri morta e mi ho tolto el velen...

Vu s'eri morta a tute le persone
e vegnendo da Mantova sentiva:
«Done piansì che è morto Giulia, done»!
ma nissuni savea quanto pativa...

Done, piansì, che è morto Giulia, done
la me sposa, el me angelo, el me ben...
Vu s'eri morta a tute le persone,
vu s'eri morta, e mi ho tolto el velen!

EL POETA
Così parlava Romeo spasimando
tra i brassi de Giulieta che piansea,
ma verti i oci e la boca basando
quela boca che tanto ghe piasea,
a poco, a poco el se andava smorsando.

 museo berto barbarani www.larenadomila.it

II

GIULIETA
Romeo, Romeo, che al sol de la me vita ho
godudo con vu l'ombrìa più bela,
che sì sta la me lume e quela stela
che a i marinari dà la strada drita;

che sì sta la me piera pressiosa,
che sì sta la me forsa e sì el me dio....

Cosa g'avìo Romeo, cosa g'avìo
che i nostri oci no me guarda più?

O colonine, bele bianche e tonde
Gesù-maria, Gesù!
Cosa g'à l'amor mio che no'l risponde?

EL POETA
Le colonine che fa segno alora:
«Parlè più forte, che l'è vivo ancora!»

GIULIETA
Romeo, Romeo, che sora tuti adoro,
come el santo più bon dei me pensieri:
vu el più grando, che sì, de i cavalieri
con su la testa un çercolo de oro,

e una spada tremenda a la cintura
e un vestito de fero su le spale...
Cosa g'àle signor, Dio! Cosa g'àle
le vostre recie che no scolta più?

O colonine, bele bianche e tonde
Gesù-maria, Gesù!
Cosa g'à sto Romeo, che no'l risponde?

EL POETA
Le colonine ghe ripete alora:
Ciamè più forte, che l'è vivo ancora!

GIULIETA
Romeo, Romeo, Romeo, che una parola
vostra, savea de fiori e da finesse,
come un baso che zuga fra do tresse,
come un miele che trà el dolçe in gola,

come la vostra anima che sola,
i segreti savea de la me scala...

Cosa g'ala Signor, Dio, cosa g'ala
la vostra boca che no parla più?

O colonine che in convento gira
Gesù-maria, Gesù!
Cosa g'alo Romeo che no'l respira?

Le colonine ghe risponde forte
Gesù-maria, Gesù!
Chi ha bevudo el velen va incontro a morte!

 museo berto barbarani www.larenadomila.it

III

La campana del convento,
col batocolo par aria,
mèsa fora e mèsa drento
de la lòsa campanaria....

drin, drin, drin!

Tuta lustra e tuta brava,
col fratin che la tirava
co' 'na forsa straordinaria,
la sonava matutin...

Nel convento scuro, scuro
sensa luna sensa stele,
se vedea speciarse al muro
i lumeti de le cele...

drin drin drin....

j'era ombrìe che se segneva,
j'era i frati pregava
co 'na calma straordinaria
la Madona e el so bambin.

 museo berto barbarani www.larenadomila.it

IV

GIULIETA
Frati, basta pregar, che g'ho el delirio,
anime sante, stè lontan da mi.
Ve podìo imaginar pèso martirio
de sto Romeo che me va via così,

propio quà sui zenoci e nel momento
che i nostri passi se dovea incontràr
a l'ombra amiga de sto gran convento,
par consolarse, del più gran penar?

E pensè che mi viva? Ve rispondo
che i m'ha tolto par morta e morta resto;

l'amor mio l'è partì par 'n altro mondo,
poro el me amor, finido così presto...

Poro sto amor, che apena nato, in cuna,
tuta la gente g'à volesto mal...
La me comedia no g'avù fortuna...
Ecome pronta a st'altro funeral!

EL POETA
E Giulieta butandose destesa
sul corpo del marì, co un gran sospiro
boca con boca l'è restada lì,

gh'era i frati che cantava in ciesa
e scominçiava a andar la gente in giro:
Romeo e Giulieta j è morti così...

Un cicì! Qualche foia che se move,
i grii che gria par la rosà che piove,
le ròndene che porta brute nove

da cissà mai quale gronde lontane...
Altri segni, altri boti de campane,
i putei che se sveia da le nane...

Ah se capisse, che anca el mal più fondo
no cambia facia a nissun roba al mondo!

Trema le piante come veci fiachi
dopo una vita tribulada atorno
par afari de soldi o de passion,

e gh'è stele co i ocieti strachi,
e gh'è la luna, che ve dà el bon giorno,
par mostrar la so bona educassion...

Sona el castel la sveia ai militari,
'riva i primi bandoti de i latari,
vèrse i becari e quei che ha coto el pan...

Se sbianchèsa le strade e va contenti
i manuai che sìfola tra i denti,
col cor in passe e la polenta in man!

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it




 

Pin It