Museo Barbarani - Poesie - Opere sconossude

Le poesie sconossude del grande Berto, quele che no iè stà inseride nei Canzonieri ma in publicassioni minori. Qui un poche de quele più bele che èmo catà qua e là, su volantini, libri, libreti e publicassioni. Podèmo dirVe che ghe n'è tante altre in giro, sparse par le càneve de Verona e par l'italia.......



LETARA A NINA

LETARA A NINA (1892)

Te mando el to ritrato de ritorno
serado drento in te 'na busta nera,
quel ritratin che te m'è dado 'n giorno
insieme a un baso e te m'è dito: Spera!

Mi la speransa ghe l'ò 'ncora intorno,
tuto de colpo t'è voltà bandiera,
te mando 'l to ritrato de ritorno,
el baso no parchè 'l m'è 'ndado in tera.

museo berto barbarani www.larenadomila.it

E l'altra sera che girava in Brà
t'ho visto a spasso e t'ho fato la spia,
fora de Porta Nova te si andà.

Adesso, cagna: te saressi mia.
E 'nvesse con un semplice soldà...
No eh! L'era un ufissial d'artiglieria!

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it

 

QUANDO CHE FIOCA

QUANDO CHE FIOCA (1893)

Te te godi Nineta quando fioca
a incolar el nasin su par i veri,
mentre gh'è 'l fogo sul camin,
che s-ciòca e soto el fogo se cose i peri!

Zò ne la strada 'n pressia 'l se la moca
un poro can d'un artesan; da ieri
forsi polenta no 'l s'à trato in boca
e tì te dè smorfì du chili 'ntieri.


museo berto barbarani www.larenadomila.it

Quando che fioca e che se forma i speci
drento nei fossi, penso al me paese,
penso a la testa bianca de i me veci.

E ti, canaia, che no la te sbate
e te sì sola al mondo sensa spese,
quando fioca te pensi al cao del late!

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it

VITA DE FAMEIA

VITA DE FAMEIA (1893)

Quando che gavarem 'n apartamento
tuto par nualtri, par nualtri soi,
co un leto grande come un bastimento
e 'na mota de cuerte e de ninsoi,

e che se trovaremo ogni momento
coi oci in aria e con in mente i fioi,
alora el magnaremo el pan contento
che l'è meio del sùcaro e i pignoi!


museo berto barbarani www.larenadomila.it

Alora, a sera, quando torno a casa
te me corarè incontro su la scala
co la to boca che la dise: Basa!

Te basarò, staremo a la finestra
con le teste tacà, spala con spala,
fin che sul fogo boie la minestra!

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it

GUERA

GUERA (1922)

Nùmaro unico "per il Natale ai soldati malati"
/// edito dal Comitato studentesco veronese

Con quela bruta assion de l'altro giorno
me son pensà 'nca mi de far la guera:
te mando el to ritrato de ritorno,
e me rodolo su la me bandiera.

Dopo averghe infilado anca sto corno....
Ah! Te me scrivi che te fè cariera?
Te mando i to spegassi de ritorno,
e i to basi li scondo soto tera.

museo berto barbarani www.larenadomila.it

Gnanca vergogna! 'na putela onesta,
Con quela boca che la par la Brà,
pèrdar, prima de averghela, la testa...
e a 'n'ora santa de l'avemaria, farse vedar
in volta co un soldà!?

Risposta
No eh, l'era un ufissial de fanteria!....

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it

TUTO A ROVERSO

TUTO A ROVERSO (1927)

Oh che ociade - quante ociade
una volta che te me davi!
'Pena, 'pena te vardavi
(Dio che ben te me vardavi!)
Che tic... tac... Che bati al cor...

Si ben fusse el tempo bruto,
e le ombrele andasse atorno,
mi diseva: oh che bel giorno
(quanto sol de mesogiorno!)
che me ilumina de amor...

Se scadea la negra note,
col don don de le campane
mi cantava «Nina Nana»
(viento Nina a far la nana
sui zenoci del to amor?)

museo berto barbarani www.larenadomila.it

Passa un ano.. triste ociade!
Ti te scapi e casca tuto.
Sul capel g'ò el nastro in luto,
(bruta roba averghe el luto
par la fine de un amor!...)

E se buta un tempo belo,
che anca i rusteghi se move,
credo mi che presto piove
(vardè, fioi, come che piove!)
su l'ombrela del me amor....

E se sluse una gran sera
co la lampada de argento,
giuro mi che tira el vento
(porte e scuri sbate el vento)
su la casa del me amor....

L'è a seconda de sto verso,
che mi stando a la finestra,
vedo el mondo de traverso,
(l'è l'amor che va in traverso),
l'è la sagra del dolor!

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it


EL GIRASOL E MARCELISE

Vila Girasol e Marcelise
L'ingegner Angelo Invernizzi in compagnia de l'amigo e architetto Ettore Fagiuoli, l'è l'autor de la Vila Girasol nata a Marcelise tra el 1929 e 'l 1935. La rotassion de la vila, dal peso di 1.500 ton., l'era possibile grassie adu motori eletrici (de potensa complessiva inferior ai 3 cavài) che ghe faséa far un giro completo (in entrambi i sensi) in 9 ore, da lì el nome de Girasol. Grassie a 'na serie de carèi messi su binari circolari e al corpo de le scale posta su de 'na "ralla" de assàl, la vila podèa movarse a la veloçità de 4 mm/s, con la semplice pression de un boton. El “Girasole” l'era, secondo le parole de l‟Invernizzi, gnent'altro che “il risultato degli studi, dell‟esperienza e della passione del suo costruttore per la casa bella e comoda”. Par el so paese l'à fato tanto (ciamà "l'omo mandà dal destìn"), come portàr l'aqua potabile, sistemàr l'aquedoto e far fontane, decantà ne la poesia "Marcelise" e "El Girasol" da Berto Barbarani. (fonte Luigi Ferrari "Angelo Invernizzi Un costruttore, il suo tempo… e il dopo").

El Girasol (coro)

Ride e sluse Marçelise,
cantarina de la Val,
che tien fresche le radise
de un vineto tuto sal…

- Ah! Ah! Ah!
E i lo beve anca in cità!

Ci diventa mai cativi
fra la passe de sti olivi?

Se i poareti i è in imbroio
ma che oio, fioi, che oio,
par ontar la situassion…

Sensa ciasso, sensa rissi,
ecco un Angelo… Invernissi,
’na gran anima de bon…

- Ah! Ah! Ah!
Tuti quanti ormai lo sa!

Lu te dona le fontane,
che dà l’aqua sensa rane…

Lu el combate la miseria,
se la cosa se fa seria,
co un aiuto da fradel…

E la gran çità de “Zena”
de palassi soi l’è piena
che te grata fin el çiel!

Ma lu el g’à n’amor speciale
par la nostra Marçelise,
che tien fresche le radise
drento el cor de sto so fiol.

E qua è nato un monumento
’na magia par la salute,
che le gira sempre intorno
a qualunque ora del giorno,
co la facia in verso al sol…

E par questo gran portento
i lo ciama: El girasol!

Berto Barbarani (otobre 1935)

MARCELLISE

- Che sia benedeta - quel’anima santa
dal cor così grando - che in ato cortese
el n’à donà l’aqua - quel’aqua che canta
in meso a la passa - del nostro paese!

Così che le spose - tutele e putei
i core qua alegri - da ogni canton
con secie - con rami - coi so calsirei
par tor de quel’aqua - che fa tanto bon!

Cantemo un eviva - par quando che el passa
sto sior Invernizzi - mandà dal destin,
che un gran benefissio - l’à usado a la passa
col darghe la vita - de sto fontanin!

Berto Barbarani (diçembre 1930)

VENESSIA

VENESSIA (1900)

( v. cartoline Museo barbarani >>> )

 

Venessia stramba inargentà de luna
casete sconte gondole e batele,
sogno de gran signori e de putele,
porto de vele che se ris-cia in mar;

Nio de morosi in copa a la laguna
nio de colombi che te beca tuta
quei che te vede e in brasso tuo i se buta,
no te podarà mai desmentegàr....

Ci desmentegarà le to belesse,
cità de marmo fabricà sul legno,
dona de marmo tuta quanta un segno,
fato da l'ongia del to gran leon.

Ci desmentagarà le to caresse
la to piassa San Marco el to palasso,
le gondole che sbrissia in canalasso
po le sparisse quasi descondon,

museo berto barbarani www.larenadomila.it

da par tute le parte sensa mai
quasi parlarse e sensa mai tocarse
come do cose che le deva amarse,
ma che se deva subito lassar....

gondole cuerte: nosse e funerai,
gondole oneste e gondole ragiri,
Ponti de Rialto o ponte dei Sospiri;
ci ve podarà mai desmentegar?

Così Venessia la m'à parso bela,
come una dona che no more mai,

drento a l'acqua vardarse dei canai;
l'aqua verde e salà che la tien su.

E no ghe strassa o sasso o finestrela
che qualche cosa de poesia no spanda.

Così Venessia la m'à parso granda
come 'na roba che no casca più.

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it



INNO A VERONA

INNO A VERONA (1931)


CORO

Musicà dal maestro Carmelo Preite

e cantà drento la rena el 27 setembre 1931
co' un coro de 600 voçi...............

I
Cantemo Verona! Madona Verona,
dal sangue de Roma portada fin qua;
la Tor su par aria, col Rengo che sona
e i çento ombreloni che bate el marcà....

Sfogiè, popolane,
le vostre colane
de l'oro più bon;

Sì bionde, sì more
sì come le siore...
ve manca el Liston!

Tra angeli e santi, che a le Arche se incalca,
tra statue e ricami del fero batudo,
i Cani no dorme, ma in alto i cavalca
propio Can Grande dà el primo saludo.

L'è lu quel gueriero
da le ale de fero,
che marcia a caval...

L'è un de quei forti,
che ride anca morti
dal so piedestal!

museo berto barbarani www.larenadomila.it

II
Cantemo Verona, le piasse, i palassi
le Porte, i Bastioni del so Sammichel...
L'Arena, el Teatro, ne parla coi sassi;
el lago de Garda l'è un bagno de çiel...!

Qua Dante in esilio
vegnea soto el tilio
de note a pensar...

Qua Dante in eterno
l'à scrito l'Inferno
par farne pecar!

Qua l'Adese canta la gloria dei morti,
dei negri molini la vecia passion;
el tenta in passando le pile dei ponti,
el dà sfianconade ne lgran muraglion.

El dise che i Goti
s'à fato i fagoti
par 'n altro destin...

E a drio i Longobardi,
vegnudi più tardi,
Rosmunda e Alboin.

museo berto barbarani www.larenadomila.it

III
Piansì veronesi, piansì forestieri,
dei grandi Morosi, la sorte tremenda...
Giulieta par tanti l'è morta da ieri
e ancora ghe sluse la facia stupenda!

Vardè Capeleti,
vualtri Monteci,
che tristo penar!

Se è nato sto luto
la colpa l'è tuto
del vostro begàr!

E adesso qua uniti, vardemo a la fede
del nostro gran savio sapiente San Zen;
l'è quel che ne sana, ne ilumini e vede,
che el volta inbaldoria, dolori e velen...

Se el mal ne divide,
Lu el pesca e po' ride
che l'è un carneval.

L'è un de quei forti
che ride anca morti
dal so piedestal!

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it

DIMANDO UNA FOTOGRAFIA A UNA ARTISTA DE CANTO

DIMANDO UNA FOTOGRAFIA
A UNA ARTISTA DE CANTO

Za che adesso mi ve mando
la impromessa poesia,
fasso un ris-cio e ve dimando
quela tal fotografia.

E vardè, ve racomando,
che la sia bela e la sia
granda granda, no badando
de far tanta economia.

museo berto barbarani www.larenadomila.it

Così quando sarem persi
e le nebie de un çiel mato
ne farà malinconia,

Vu lesendome ne i versi,
mi vardandove in ritrato,
se faremo compagnia.

firma barbarani www.larenadomila.it

a cura de www.larenadomila.it



 

Pin It