Gianni Recchi

Pochi a Verona conosse el grande Gianni Recchi (1922-2009), ma podémo dir che l'è stà uno dei più grandi poeti veronesi, conossù e premià no solo nel triveneto ma anca a livèl nassionàl. 'Na persona s-cèta con cui passàr de le ore in so compagnia, che te fasèa stàr ben. Questo el nostro ricordo. La so poesia in particolàr l'era fata de bei ricordi, de particolari e de curiosità, quela mata alegria che catèmo con Angelin Sartori e Tolo Da Re. Lesi anca ti una de le so tante poesie par capìr ci l'era sto omo.



SGALMARE


SGALMARE

Matin bonora lustro de dicembre
col pianto in facia e la cometa in cel,

Al Canto strangolà dei gali
dìndola dal careto el ciaro anemico
de la lanterna
sul giasso de la strada dove za
sbocia i ridi: ciao Paese!

Ransignà ne la cuerta
scolto baiar de te in te i cani
e serco de capir
dove che son.

A vedaremo ben
sta' casa nova zo in cità!
Cissà come che i parla
i fioi dei siori?!

La casa nova l'era piassè vecia
de quela vecia
e i fioi dei siori
i disea in dialetto
al par de mi e qualchedun
ai piè 'l gavea le sgàlmare:
come le mie.

(Gianni Recchi)






EL CALSIREL DE ORO

EL CALSIREL DE ORO

O soga longa de la sigagnola
che pingola sul posso dei ridi
sgonfeme su le mane le vissighe
par tirar-su quel cassirel de oro
che sgossolava al sol de la me infansia.

Fame védar l'inmensità del cel
riflessa drento al sércolo de l'aqua;
fame sentir da novo el tonfo sordo
del secio in fondo al posso e la magìa
de la me vosse rimbalsà de l'eco.

Dame l'incanto de quel'aqua viva
che mi bevea da l'orlo lustro e fredo
del cassirèl posà sora la piera
e lassa pur che la me bréa l'anima
come sguassa sul pra de la poesia.


(Gianni Recchi)



E SFIDO MI


E SFIDO MI
 

Nel vento de la note
era fiorì i siresi e tuta bianca
l'era la val e da lontan
capinava 'l teo dei nossaroi.

La sposa tuta càndida
al brasso del bupà
tuto impaonà,
el sposo coi compari sul sagrà
i ceregheti in cota e 'n pretin zoeno
ben petenà
e belo come el sol e le campane
che le scurlava i monti e mi
da stupido
che me vegnea da piànzar.

E sfido mi:
con quei du mèsi goti de recioto
le scarpe strete e l'organo che sona
l'Ave Marìa de Sùber.


(Gianni Recchi)



SONETO PAR PIASSA ERBE

SONETO PAR PIASSA ERBE
 

Rido el vecio banco de usei
col ciciolar dei lugarini e i canti
de lodole e tordine e dei fringuei
e lì darente col grombial davanti

na piassarota svelta con i déi
la spelumava con i mèsi guanti
e 'l pelumin sui oci e sui cavei
i tordi da fornirghe ai ristoranti.

Adesso ch'ià proibì i usei nostrani
e no gh'è più le ferle con le siéte
gh'è in piassa usei foresti e merli indiani

e al posto dei bei ròssi de sgussete
dai ombreloni verti sui bancheti
pingola zo mudande e regipeti.


(Gianni Recchi)



QUANDO I RUMARA'


QUANDO I RUMARA'
 

Vecio comò
con la specera rota
dai calti te spandevi el bon udor
de la lavanda tra i ninsoi de lissia.

Vedea nel speio de le me duminiche
na facia col peto mato e i oci lustri
del sol de l'avenir.

Ma'l tempo
sensa paroni e libero de far
quel che'l vol lu
el t'à lassà soltanto
la polvar del carol e in meso al speio
atraversà dal crepo l'ombra de la malinconia:
e mi no posso no
fermar el tempo.

Sèro nei calti i me ridi
ché i spanda el bon udor de l'onestà
par quei che rumarà sercando
tra le me pore robe cissà mai
qual testamento.

(Gianni Recchi)

Pin It