Poesie, Proèrbi & Cansoni (LRBRA)

I più grandi poeti veneti, le più bele cansoni e un mucio de proèrbi, tuto drento 'na rubrica sola. I ricordi passa anca da le cansoni che te cantava to nono o magari 'na poesia imparà a scola, in La Rena Brasìl podémo entràr drento el mondo de la tradissión. La poesia che descrive ben la migrassión l'è sicuramente quela de Berto Barbarani, "I va in Merica" piena de significado e de grandi emossioni..... ciapa un fassòl e scominsia a sugarTe i oci.......

  



 

POESIE VENETE

>ARRIGO BOITO - ELOGIO DELLA POLENTA

Elogio della Polenta (Arrigo Boito)

"La spatola, ossia, l’arte de menàr bene la polenta e de mettarghe el tocio.
Alegoria de Arlechin Batocio, moreto bergamasco e mezo mato.
El qual la ofre, dedica e presenta, ai omeni politizi de Stato"

‘Ghe xè na caldiera, tacada su un fogo,
Che par una bampa, de inçendio e de rogo
De là gh’è una polvare, che par d’oro fin
E quà gh’è la spatola, del gran Trufaldin
Scominsia el miracolo, se vede de dentro
Levarse ‘na brombola, d’arzento, d’arzento;
Po’ subito un’altra, la vien a trovar
E l’acqua nel fondo, scomininsia a cantar.
La canta, la ronfa, la subia, la fuma
De quà la se sgionfa, de là se ingruma,
El fogo consuma, col vivo calor
Le brombole in sciuma, la sciuma in vapor.
La bogie, de boto: atenti ghe semo
Più fiama, de soto; supiemo, supiemo
Che gusto, che roje; la bogie, la bogie.
La va, la galopa, la zira, la sciopa
La fa la manfrina, farina, farina
La salta per sora, la sbrodola fora
Portème in cusina farina, farina..
Ocio, ocio, ohè , Batocio, ciapa in man tecia e caena
Missia, volta, zira , mena. Deme el tocio, ocio, ocio
Mola, tira, mola e destira e stinca e fola
La xè frola, dài de quà, dài, dài, la broa, la scota.
Ahi, ahi, ahi, me son scotà
La xè cota, la xè cota.
Sior Florindo la se senta, che xè fata la polenta
Dunque magnemola; ghe manca el sal
Sal de la fiaba, xè la moral.
Ecco: la spatola, la xè mio estro
La xè il mio genio, pronto e maestro;
E quel finissimo fior de fatina
Vol dir Rosaura e Colombina;
L’acqua broenta, xè nostro cuor,
E la polenta, la xè l’amor

Il Libro della Pollenta
di Luigi Carnacina e Vincenzo Buonassisi il 1974
by Aldo Martello – Giunti Editore S.P.A. 1984
Stampato in Firenze

 

>BERTO BARBARANI - I VA IN MERICA

 

I VA IN MERICA (Berto Barbarani)

// Capolavoro del Grande Berto conosciuto
in tutto il mondo e tradotto in molte lingue,
dove viene descritto il dramma
della Grande Emigrazione in America.
La poesia e' divisa in due parti:
la descrizione del territorio con la carestia
e la dura decisione di partire //

Fulminadi da un fraco de tempesta,
l'erba dei prè, par 'na metà passìa,
brusà le vigne da la malatia
che no lassa i vilani mai de pèsta;

// La calamità naturali non danno tregua ai contadini;
la grandine ha rovinato il raccolto,
l'erba dei prati è appassita,
e le vigne morte a causa di una malattia. //

ipotecado tutò quel che resta,
col formento che val 'na carestia,
ogni paese el g'à la so angonia
e le fameie un pelagroso a testa!

// Ogni paese ha le sue disavventure
come le famiglie colpite dalla pellagra che hanno ipotecato
tutto quello che potevano per poter compiere il lungo viaggio.//

Crepà, la vaca che dasea el formaio,
morta la dona a partorir 'na fiola,
protestà le cambiale dal notaio,

// Morta la vacca che dava il formaggio,
morta una donna mentre partoriva una bambina,
protestata la cambiale dal notaio, //

na festa, seradi a l'ostaria,
co un gran pugno batù sora la tola:
«Porca Italia» i bastiema: «andemo via!»

// una festa chiusi dentro all'osteria,
dando un gran pugno sulla tavola:
"Porca Italia" bestemmiano: "andiamo via!" //

E i se conta in fra tuti.- In quanti sio?
- Apena diese, che pol far strapasso;
el resto done co i putini in brasso,
el resto, veci e puteleti a drio".

// I Capifamiglia seduti all'osteria
fanno la conta di quante persone sono
forza-lavoro una volta sbarcati in America
....appena dieci, il resto donne con in braccio i neonati,
anziani e bambini.//

Ma a star quà, no se magna no, par dio,
bisognarà pur farlo sto gran passo,
se l'inverno el ne capita col giasso,
pori nualtri, el ghe ne fa un desìo!

// Un momento di riflessione scuote l'animo
di questa gente disperata.
Stare qua si muore di fame,
bisognerà per forza farlo questo gran passo,
se l'inverno sarà rigido,
poveri noi, ne farà una strage! //

-Drento l'Otobre, carghi de fagoti,
dopo aver dito mal de tuti i siori,
dopo aver fusilà tri quatro goti;

// A ottobre inoltrato, carichi di valigie e stracci,
dopo aver maledetto i signorotti o i nobili,
dopo aver bevuto in gran fretta tre-quattro bicchieri di vino; //

co la testa sbarlota, imbriagada,
i se dà du struconi in tra de lori,
e tontonando i ciapa su la strada !

// con la testa confusa, frastornata,
si danno dei grossi abbracci,
brontolando e camminando in modo incerto
prendono la strada e si avviano! //

 

 

>GUSTAVO ADOLFO CARLOTTO - EL PARON DE UN RISTORANTE...

El paron de un ristorante ofre un menù
a na compagnia de passagio
(Gustavo Adolfo Carlotto)

Cossa posso servire a lor Signori?...
" ... 'Na feta de parsuto... San Daniele....
un carciofeto in ogio... un filetin
d'aciuga..., buro.... de le olive... bele!
... e... par smorbar la boca... un acetin?! "...
" E po drio man mi ghe farò gustare
dei boni capeleti -"nostri" - in brodo
... o tajadele... Ma se i vol magnare
risoto mantecà..., lo fasso a... modo!...
Del pesse? Posso darghe del più fin
fresco, tuto pescà in sto nostro mare:
Zevoli, orade, boseghe, branzin...
pesse de mejo no se pol trovare!...
Par l'alesso fasso passare el piato:
Manzo misto, testina de vedelo
Galina grassa, polastra, codeghin...
Verdura cota e salse?... fa capelo! ...
Posso servirghe po' del bon brasato
con contorno de fonghi e patatine,
piato squisito e tanto delicato ...
o se i vol del rosto e salatine! ...
Magnare male no fa un'economia!
El bon magnar mantiene el corpo in forza
e, in corpo san - ...xè viva l'alegria
che - in longo fa durar la nostra scorza!
Come vini - par infiorare el pranzo?
- Drio el pese ghe darò del Bianco seco,
- e ghe lo digo subito.. d'avanzo:
- -ghe porto un bicier vecio de... Proseco!
Par el piato de carne... : piato forte,
Go del vecio Cazzano de Tramigna...
o un tipo so vissin... de Monteforte...!
... Ma xè Cazzan el sito de la vigna!

Dal libro "Dai Berici al Garda" Poesie - Soneti
Tip.Editrice G.Consonni - Vicenza 1966

 

 

> DARCY LOSS LUZZATTO - EL GNECHE ROMAGNA E LE LIME DELE SORE

 

El Gnèche Romagna e le lime dele sore (Darcy Loss Luzzatto)

L'àlbero cargo de lime maùre,
zalde come 'l sol,
'l zera tacà al muro
e rivarghe, de di, no se pol.

I fruti se i vedéa tuti i dì
co se ndéa a scola.
De magnarli ghéino góla,
ma tochéa assarli li.

Col ciaro no se pol rivarghe
-spetémo 'na nòte scura!
Che altra cosa pensar
se de dì se gavea paùra?

Sàbo de sera, piovenea,
Pino, Gigio, Gnèche, Ary
e altri, ancora,
e insiéme anca mi Tuti sìti
caminando pianpianéto
al àlbero, driti,
sbassadi, a cucéto

Chi va sù? - Gìgio?
Nò, le massa picenin!
- Ary ?
Mi nò, gò paùra dei spin!

Lora và sù Gnèche,
gà dito qualchedum.

E Gnèche le ndàt sù.

Lù sóra,
'l butéa zó lime
nantri soto a torle sù.

Scarsèle piene
camise piene.
Nantri, svèlti fora,

Gnèche la sù 'ncora.

Sol par dispèto
Ary 'l gà grità:
-Móneghe, i ve ròba le lime!
Co'I muro gavéino ormai saltà.

Gnèche, poro can,
spaurì,
salta zó tut spinà,
come un màt,
mezo inseminì.

Le sòre le gavéa
cambià de posto la latrina.
La merda dentro 'l buzo vèrto
la zera ancora molesìna.

Gnèche, com quela
da vegnar fora svèlte
e col scuro che féa,
'l sà desmentegà dal buzo,
robe che 'l se neghéa.

- Aiùto, Aiùto! 'l ciaméa.
- - Déme 'na man,
- no son bon de vegnar fóra!
Lon tirà sù co'na rama,
parché l spusséa.
E dòpo 'l se lamentéa:
- - Gò perso le sinèle de la mama!

Dal libro Ghen'avemo fato arquante - DL Luzzatto
Editores LTDA. Porto Alegre RS Brasil 1a Ed. 1985

 

>ANDREA TOFFALETTI - MERICA, MERICA! ITALIA ITALIA!

Merica, Merica! Italia Italia! (Andrea Toffaletti)
Poesia-Cronaca su la Grande Emigrasion Veneta (1875-1915)

La porta serà col cadenasso,
lassando rogne malcagade,
quatro strasse in gropade,
tri fioi tegnù par brasso.

I saluda el so paese,
con in man le promesse,
in verità jè scomesse,
par la Merica no ghé pretese.

Cossita i ciapa el bastimento,
come bestie jè strucadi,
uno sora l'altro bei muciadi,
quaranta giorni de tormento.

Da Genova a Barçelona,
passando par Marsilia,
l'Oceano 'na maravilia,
mentre el cor se incocona....

Merica, Merica!
......Merica, Merica!

Bocia che ziga, senti che ciassi,
pena smontà al porto de Rio....
che spegàsso....che desìo...
par laoràr ghe serve brassi.

Dal marangon al murador,
dal prearol al caretiér,
dal ferar al carpentiér,
come servi, sensa onor.

Sfadigando i Taliani,
i è nate çità co' i palassoni,
goernà da siori, da paróni,
su la pel dei pori cani,

che i maledisse quela fòla,
contada a la partensa,
deventada soferensa,
molando un pugno su la tòla....

Italia, Italia!
......Italia, Italia!

Poesia dedicà ai me bisnoni e a tuti quei che par no morir de fame, i è stà protagonisti de una de le pì grande imprese migratorie de tuti i tempi.



PROERBI VENETI

>PROERBI VENETI

-Bacalà a la visentina, bon de sera e de matina.

-Can vecio no baia a la luna.

-Cul che caga no ghe oro che lo paga.

-Miseria fa miseria.

-Megio un amigo che çento parenti.

-Dimi chi son, ma no me dir chi gera.

-Tuto ga fin.

-La paura fa coragio.

-Chi alza el culo el perde el scragno.

-Roba robà, come la vien la va.

 

CANSONI DEI RICORDI

>MERICA MERICA

Merica Merica

Dalla Italia noi siamo partiti
Siamo partiti col nostro onore
Trentasei giorni di macchina e vapore,
e nella Merica ghe semo arriva'....

Merica, Merica, Merica,
cossa saràla 'sta Merica?
Merica, Merica, Merica,
un bel mazzolino di fior.
E alla Merica noi siamo arrivà
no' abbiamo trovato nè paglia nè fien.
Abbiam dormito sul nudo terreno
come le bestie che va a riposar.....

Merica, Merica, Merica,
cossa saràla 'sta Merica?
Merica, Merica, Merica,
un bel mazzolino di fior.

E' la Merica l'è lunga, l'è larga,
l'è circondata dai monti e dai piani,
e con la industria dei nostri italiani
abbiam formato paesi città.

Merica, Merica, Merica,
cossa saràla 'sta Merica?
Merica, Merica, Merica,
un bel mazzolino di fior.

^^ 'scolta la musica su IuTub ^^

 

>LA ME MOROSA

La me morosa

La me morosa 'l'è da Vilafranca
'la gh'à 'na teta mora e una bianca.

La me morosa 'l'è da Valgatara
a star sul pontesel 'la pisa 'n l'ara.

La me morosa 'l'è da Pelaloco
e no' 'la dorme mai se no' la toco.

La me morosa 'l'è da Salisole
e quel che gh'o promeso 'la io vole.

E gh'o promesso l'ucelìn da gabia
e se no' ghe l' dago 'la se credi che no' ghe l'abia.

 

>ME COMPARE GIACOMETO

Me compare Giacometo

Me compare Giacometo
El gaveva um bel galeto
Quando el canta el verze el beco, Che'l fà pròprio enamorar

E quando el canta, canta , canta
El verze el beco, beco, beco
Che'l fa pròprio, pròprio, pròprio enamorar (bis)

Ma un bel giorno la parona
Per far festa agli invitati
La ghe tira el colo al galo
E lo mete a cosinar
E la ghe tira, tira, tira
El colo al galo, galo, galo
E lo mete, mete, mete a cosinar
(bis)

Le galine tute mate
Per la perdita del galo
Le gà roto anca el punaro
Da la ràbia che le gà
E le gà roto, roto, roto
Anca el punaro, naro, naro
Da la ràbia, ràbia, ràbia che le gà
(bis)

(CANTO DEL GALETO)
E quando el canta, canta , canta
El verze el beco, beco, beco, Che'l fa pròprio, pròpio, pròpio enamorar (bis)

^^ 'scolta una versión su Iu Tub ^^


 

>LA STRADA NEL BOSCO

La strada nel bosco

La strada del bosco
'l'è lunga 'l'è larga 'l'è stretta
la strada del bosco
'l'è lunga 'l'è larga 'l'è stretta
'l'è fatta a barcheta
'l'è fatta per fare l'amor
'l'è fatta a barcheta
'l'è fatta per fare l'amor.
L'amore la faccio
la faccio con la mia ibella
l'amore la faccio
la faccio con la mia ibella
mi sembra una stella
una stella caduta dal cel
mi sembra una stella
una stella caduta dal cel.
Caduta dal celo
mandata mandata da Dio
caduta dal celo
mandata mandata da Dio
che bel paradiso
dormire una notte con te
che bel paradiso
dormire una notte con te.

^^ 'scolta una versión su Iu Tub ^^

 

>FASSOLETINO

Fassoletino

Amor dammi quel fassoletino
amor dammi quel fassoletino
amor dammi quel fassoletino
vado ala fonte
lo vado a lavàr
amor dammi quel fassoletino
vado ala fonte lo vado a lavàr.
Te lo lavo con l'aqua e sapone
e lo lavo con l'aqua e sapone
e lo lavo con l'aqua e sapone
ogni sbattuta un bacino d'amor
te lo lavo con l'aqua e sapone
ogni sbattuta un bacino d'amor.
Te lo stendo su 'n ramo di rosa
te lo stendo su 'n ramo di rosa
te lo stendo su 'n ramo di rosa
ogni puntino un bacino d'amor
te lo stendo su 'n ramo di rosa
ogni puntino un bacino d'amor.
Te lo stiro col fero a vapore
te lo stiro col fero a vapore
te lo stiro col fero a vapore
ogni piegheta un bacino d'amor
te lo stiro col fero a vapore
ogni piegheta un bacino d'amor.
Te lo porto di sabato sera
te lo porto di sabato sera
te lo porto di sabato sera
di nascosto di mamma e papà
te lo porto di sabato sera
di nascosto di mamma e papà.

^^ 'scolta una versión su Iu Tub ^^




>GUARDA LA LUNA

Guarda la luna

Guarda la luna come 'la camina
guarda la luna come 'la camina
'la scavalca i monti come noialtri alpìn

ai sì sì cara mamma no
sensa alpini come farò
'la scavalca i monti come noialtri alpìn....
ai sì sì cara mamma no
sensa alpini come farò.

Guarda le stelle come che son belle,
guarda le stelle come che son belle....
e son le sorelle de noialtri alpìn.....
ai sì sì cara mamma no sensa alpini come farò....
e son le sorelle de noialtri alpìn....
ai sì sì cara mamma no sensa alpini come farò.

 
^^ 'scolta una versión su Iu Tub ^^


>QUEL MASSOLIN DE FIORI

Quél massolìn de fiori

Quél massolìn di fiori
che vién dala montagna
quél massolìn di fiori
che vién dala montagna
e guarda ben che no' 'l si bagna
perché l'e da regalàr
e guarda ben che no' 'l si bagna
perché l'e da regalàr.
E l 'e da regalare
perché l'e'n bel masseto
e l'e da regalare
perché l'e'n bel masseto
lo volio dare al mio moreto
questa sera quando 'l vién
lo volio dare al mio moreto
questa sera quando 'l vién.
Stasera quando 'l viene
sarà 'na bruta sera stasera
quando 'l viene sarà 'na brutta sera
e perché sabato di sera
e no' l'e vegnù da me
e perché sabato di sera
e no' l'e vegnù da me.
E no' l'e vegnù da me
l'e 'ndà dala Rosina
e no' l'e vegnù da me
l'e 'ndà dala Rosina
e perché 'l'era poverina
mi fa pianger sospiràr
e perché 'l'era poverina
mi fa pianger sospiràr.
Mi t'a pianger sospirare
sul leto dei lamenti
mi fa pianger sospirare
sul leto dei lamenti
che cosa mai dirà i parenti
cosa mai diràn di me
che cosa mai dirà i parenti
cosa mai diràn di me.
Dirà che son tradita
tradita nell'amore
dirà che son tradita
tradita nell'amore
e perché a me mi piange il cuore
e per sempre piangerà
e perché a me mi piange il cuore
e per sempre piangerà.

^^ 'scolta una versión su Iu Tub ^^


 

>MAMMA MIA DAMI CENTO LIRE

Mamma mia dami cento lire

Mamma mia dami cento lire
che in America volio andàr
mamma mia dami cento lire
che in America volio andàr
mamma mia dami cento lire
che in America volio andàr.
Cento lire non te le do
e in America no no no
cento lire non te le do
e in America no no no
cento lire non te le do
e in America no no no.
Cara mamma dame la morosa
che in l'America volio andàr
cara mamma dame la morosa
che in l'America volio andàr
cara mamma dame la morosa
che in l' America volio andàr.
La morosa no' te la do
e in America no no no
la morosa no' te la do
e in America no no no
la morosa no' te la do
e in America no no no.

^^ 'scolta una versión su Iu Tub ^^

>SANTA FE

Santa Fe

La barchetta in mezzo al mare
'l'e diretta a Santa Fe
dove sta per scaricare
mezzo chilo di caffè.

La comanda il capitano
dalla barba rossa e blu
fuma il sigaro il toscano
che proviene dal Perù.

Lalalalalala
pompa su pompa giù
pompa qua pompa là
lalalì lalalì lalalà.
 

^^ 'scolta una versión su Iu Tub ^^









Pin It