Afi

AFI
Popolassión: 2.336 Altessa: 191 metri sóra el livèl del mar
Superfice: 9,88 chilometri quadri Comùni confinanti: Riole (Rivóli Veronese), Cavaión Veronese, Bardolìn, Costermàn

Comùn de origine Medioevàl situàdo ai piè del Monte Moscal (427 m.s.l.m.) ne le vicinanse del Lago de Garda. La popolassión l'è quasi tuta conçentrada a Afi e ne le contrà de Cà Orsa, Le Coche, Castèl, Incafi. La parte storica del paese l'è carateristica par le so vie e le case in pièra. A est del Monte Moscàl podémo catàr, su un dolçe terén pianegiante, l'elegante Vila Da Persico Poggi costruida nel XVII secolo ma modificada nel '700, con la zonta de du porticadi laterali (su disegno del Barbieri) al corpo çentràl de la costrussión. A l'interno antichi sofiti decoradi, statue e opere artistiche del Perini e del Brentana i te fa restàr a boca vèrta par la magnificensa e la belessa. In 'sta vila jè stadi conservadi i archivi dei Da Persico, una de le piassè vece faméje de Verona, celebre l'éra el conte Giovan Batista Da Persico, podestà de Verona al tempo de Napoleón e autòr nel 1820, de la guida Descrizione di Verona e della sua Provincia. Gh'è da notàr che i Da Persico i gavéa ànca una seconda residensa, otoçentesca, Vila Elena. A poca distansa ne compare davanti la Césa de S. Piéro in Vincoli costruida dopo avér modificà e slargà un preçedente edificio sacro del XI sec. 'ndóe ne la sagrestia l'è conservà un magnifico afresco de Gioàni Francesco Caroto rafigurante San Gioàni Batista. Nel borgo de Incafi podémo amiràr la Vila Fracastoro del XVI secolo, residensa del famoso medico e poeta del çinqueçènto veronese Girolamo Fracastoro. Qua el medico 'l g'a trascorso longhi periodi de isolamento scrivendo libri e riçevendo amiçi e leteradi oltra al' imperadór Carlo V. In un momento de vena poetica el descrive la belessa del panorama intorno (trad.lengua italiana del Pelegrini): "a mattina, dalla parte dove le radici del colle toccano l'adige che, col rapido corso lungo il Baldo, defluisce dal Tirolo, si gode la vista della lontana città di Verona e degli innumerevoli villaggi sparsi nella sottostante pianura ricca di greggi vaganti e di armenti di ogni specie, mentre quando annotta si scorgono i fumanti comignoli che si ergono dai tetti; a sera la facciata della Villa del Fracastoro è invece rivólta verso il Benaco, e gode di una uguale vista dei colli che si presentano allo sguardo, ma ancor più incantevole e gioconda, perché permette di ammirare lo specchio del lago, mosso e agitato talora da frementi flutti, e di vedere la fortunata penisola di Catullo, mentre da lontano si profilano i navigli a vela, le eranti minuscole barchette dei pescatori, e i numerosi paeselli posti sui ridenti pròmontori..." Sóra al monte a poca distansa da la vila gh'è el complesso de Sant'Andrea con césa romanica e case d'epoca, un tempo del'Abassìa de San Zén de Verona, regal de Pipino nel 807. A testimoniansa de l'apartensa de Sant'Andrea a l'Abassìa Veronese gh'è el diploma de Enrico II, re d'Italia, del 1014, 'ndóe gh'è scrito "in Cavi cellam Sancti Andree cum pertinentiis suis", seguido da 'n altro diploma de Enrico III, del 1047, con le stesse parole, sensa contàr altri du diplomi de Federico I, nel 1163 e de Urbano III, del 1187, che i ne ricorda "curtem Castèlli novi cum famulis utriusque sexus et omni onore et districtu et redditu cum ecclesie Sancti Andree et ecclesia Sancte Eufemie et Sancti Petri in Affi". La ceséta de Sant'Andrea l'è stada ricostruida a cura e spesa dei monaci de San Zén de Verona, nel XV secolo, rifasendola a tri navade divise da pilastri quadrangolari, e modificada dai proprietari i nobili Bottagisio. Anticamente i teritori de Afi e dintorni i-éra de proprietà de l'Abate de San Zén de Verona, infati el paese el se ciamava Castèlnuovo dell'Abate forse par la presensa de un Castèl costruido ne l'ano 1000 e modificado nel corso dei secoli. Che domina el teritorio de Afi ghè el Monte afiMoscàl de origine morenica, no un sempliçe monte. Infati, drénto ne la "pansa" gh'è la base Nato e le origini geologiche le ghe dà el nome. Basta pensàr ai fossili foraminiferi incastonadi nel calcàr del monte come "l'Operculina complanata" e la "Leopoldicina elephantina" che, sessionadi, i par de le mosche. Tra questo monte e l'interessante anfiteatro morenico de Riole teatro de la famosa batàja napoleonica sembrerìa che ghe fusse stà secondo el studioso Mor, costrussióni militari e popolassióni de origini longobarde: "Al'ingresso dell'altipiano, salendo dall'Adige (sopra cavaión) e di fronte Monte Alto di Gaiun (gahagium), a sopraccapo di Affi: Ari e, di fronte, guardante l'Adige, Gaiun; immediatamente a nord di monte Moscàl una frazione è chiamata Pertica ( che in genere indica i cimiteri longobardi, come a Pavia e Cividale) distante poco più di tre chilometri da Costermano (Costa Arimannorum), di fronte al quale, a due chilometri, stanno Valdonega e Gazzoli". Se podarìa pensàr che tuta l'area da Afi a Costermano e Valdonega la sia stà teritorio arimannico cioè de òmini libari, ànca dal punto fiscal, ma un documento del 825 el ne convinse del contrario 'isto la dipendensa da la camera Regia de un çentro economico no molto grando, ne la contrada Bestones. Se podarìa inoltre pensàr che'l teritorio de Afi el fusse in man a Re Pipino prima de la donassión del'807 a l'Abassìa de San Zén, infati, beni reali i se trovàa a Moratica e Bardolìn "la chiesa de Sant'Andrea nel luogo de Cavi, hora chiamato Incaffi con ville, campi, prati et con la giurisdizione sopra gli abitanti nel modo che havéa esso re". Secondo el Sartori par la val del Tasso passava "la grande strada di Val d'Adige che, valicando il fiume a Ponton, puntasse a Rivóli o direttamente o facendo il più lungo tratto, ma più dolce , per Affi e Caprino. no dimentichiamo che in questa zona sia accampò Leutari, nella vana attesa del fratello; che qui dovette arrestàrsi l'offensiva franca del 590 e che al suo sbocco fu sempre la zona tradizionale dell'acuartieramento degli eserciti imperiali, fino al XII secolo, tra Lazise, Pacengo e Pastrengo". Foto: Vila Poggi e sul sfondo el Monte Moscàl 


Pin It